HomeAltre NotizieCgil: «La Regione non getti la spugna sul futuro del Porto»

Cgil: «La Regione non getti la spugna sul futuro del Porto»

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:

Non ci rassegniamo ad accettare che la riunione del 24 u.s. al ministero dello sviluppo economico su Gioia Tauro sia servita solo a sancire la presenza di uno scontro istituzionale tra la Regione Calabria, guidata da Scopelliti e la Provincia di Reggio Calabria , guidata da Raffa ;  se così fosse  sarebbe riduttivo e umiliante per il futuro del porto e per le sorti di chi ci lavora.

La sola idea che le lotte di posizionamento interno, negli schieramenti politici, passino sulle spalle dei lavoratori  ci fa rabbrividire; infatti, speriamo che questa sia solo la lettura mediatica data alla  riunione.
Nel merito pensiamo che, se pur sia emerso che il contratto d’area per mancanza di risorse non sarà  più facilmente riproponibile, la riunione sia stata, in ogni caso, un utile momento di confronto. Si è trattato di un significativo  approfondimento rispetto all’utilizzo degli strumenti di programmazione  e dei finanziamenti, necessari alla competitività del porto e  della logistica.

Un incontro che ha messo al centro la necessità di attivare   un monitoraggio costante sugli stati di avanzamento degli interventi già programmati e finanziati ; un attenzione particolare si è riservata all’Accordo di Programma Quadro che, come già da tempo la Cgil  mette in evidenza, da oltre un anno dalla firma non ha prodotto nessuna ricaduta. Questo non è un caso perché l’Apq, a differenza dei patti territoriali e dei contratti d’area che prevedevano cabine di regia territoriale con il protagonismo delle istituzioni locali e le parti sociali, esclude il confronto con il partenariato sociale, riduce il controllo e la verifica dei tempi di attuazione. La stessa provincia ha lamentato di sentirsi  esclusa dalla conoscenza dell‘iter dell’Apq.

E’ stato nel prendere atto di queste difficoltà, unite ad una condizione di crisi diffusa in tutti i settori, che l’unità di crisi del Ministero ha deciso di attivare un monitoraggio aggiornando la riunione tra 15 gg .

Pensiamo pertanto, che sbaglia chi ha ritenuto questo incontro inutile. Vorremmo piuttosto che, la Regione Calabria sul futuro del Porto di Gioia Tauro, non getti  la spugna.
E’ giunto il momento di compiere scelte strategiche e pretendere dal governo risultati.
Cosa aspetta la Regione Calabria a chiedere che, alla luce della bocciatura definitiva del Ponte, si disimpegnino le  risorse comunitarie disponibili in favore dello sviluppo logistico di Gioia Tauro?

Gioia Tauro 26.10.2011

Andrea Montagni
Cgil Nazionale – Dipartimento Politiche del Mezzogiorno

Antonino Calogero
Segr.Gen Cgil Piana di Gioia Tauro

Ultimi Articoli

Politiche 2022, ecco chi sono i parlamentari calabresi

Si sono delineate, dunque, le figure politiche che occuperanno le caselle dei 19 posti...

Politiche 2022, Conia (Up) chiede una riflessione nazionale

«Abbiamo il dovere di non disperdere questo grande lavoro fatto sul territorio» ha spiegato...

L’Ordine dei commercialisti di Palmi a confronto su antiriciclaggio e operazioni sospette

Il dibattito è stato organizzato dall'Ordine in collaborazione con Opera Professioni e Sole 24Ore

Nas, la stagione estiva si chiude con 168 controlli e 2 tonnellate di alimenti sequestrati

Elevate sanzioni per un valore complessivo di 130.502mila euro

Gioia, il Gruppo Teatrale “Giangurgolo” rinnova le cariche

Annamaria Calderazzo eletta presidente dell'associazione

Reggio si prepara a vivere la magia del cinema: inizia la XVI edizione del Film Fest

Presentato ieri il programma degli eventi che si terranno dal 24 al 27 agosto

Torna a Taurianova “Restart 2.0 festival”

Il 21 agosto il panorama musicale al centro del Restart 2.0 Festival