HomeCronacaCaso Pioli: arrestata anche la madre di Simona

Caso Pioli: arrestata anche la madre di Simona

Pubblicato il

MELICUCCO – Si stringe ulteriormente il cerchio intorno ad Antonio Napoli, il latitante di Melicucco accusato di aver ucciso e occultato il cadavere di Fabrizio Pioli.

I carabinieri della compagnia di Gioia Tauro, guidati da Ivan Boracchia, hanno arrestato nella tarda serata di ieri la moglie, Rosina Napoli, con l’accusa di omicidio, detenzione, porto di armi da sparo e soppressione di cadavere.

La scorsa settimana era stato fermato il nipote Francesco.

Secondo le indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Palmi e dai carabinieri, la donna sarebbe stata perfettamente consapevole e partecipe del progetto criminale portato a compimento dal marito, dal figlio Domenico e dal nipote Francesco.

Rosina Napoli, 50 anni, è ora detenuta nel carcere di Reggio Calabria e sarà interrogata nelle prossime ore dal gudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palmi.

Lucio Rodinò

Ultimi Articoli

Palmi, fuga di gas vicino alla scuola “De Zerbi”. Evacuato l’edificio

L’episodio si è verificato poco dopo la campanella d’ingresso

Incendio Ecolandia, il sostegno di Galimi al Consorzio

L’incendio che ha interessato la struttura del Consorzio Ecolandia (soggetto gestore del Parco e...

Elezioni comunali, Sina Collufio candidata a sindaco di “Rizziconi c’è”

Al termine di un incontro avvenuto lo scorso 6 aprile è stata scelta la figura della vice dirigente scolastica quale candidata alla guida della città

Incidente tra Gioia Tauro e Rizziconi: camion si ribalta sulla Sp111

L'incidente è avvenuto tra il vivaio Piante Macrì e la Legno Sud.

Palmi, fuga di gas vicino alla scuola “De Zerbi”. Evacuato l’edificio

L’episodio si è verificato poco dopo la campanella d’ingresso

Incidente tra Gioia Tauro e Rizziconi: camion si ribalta sulla Sp111

L'incidente è avvenuto tra il vivaio Piante Macrì e la Legno Sud.

Droga nella Piana, arrestato all’aeroporto di Lamezia latitante di Taurianova

Il 38enne si era sottratto alla cattura nell'ambito dell'operazione Perseverant, coordinata dalla procura di Palmi ed eseguita dai carabinieri. L'uomo è stato posto ai domiciliari