Cannata denuncia le inefficienze di CalabriaSUE

Il consigliere dell'Ordine dei Geometri di RC si è rivolto direttamente Occhiuto

0
131

Ha pensato ad una lettera aperta indirizzata al presidente della Giunta regionale, Roberto Occhiuto, il componente del Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Geometri di Reggio Calabria, Giancarlo Cannata per cercare di dipanare la matassa relativa all’annosa questione del malfunzionamento del portale CalabriaSUE – il sistema informativo messo a disposizione gratuitamente dall’Amministrazione regionale per permettere la  presentazione e gestione telematica delle pratiche edilizie SUE e, all’ufficio comunale SUE e a tutte le amministrazioni terze coinvolte, la conseguente gestione istruttoria della pratica – . “I cittadini calabresi, nel mio caso le categorie tecniche tutte, e le aziende che svolgono attività di tipo, turistico, commerciale, artigianale ed industriale, si trovano purtroppo a doversi scontrare quotidianamente, con le inefficienze del sistema informatico regionale” riferisce Cannata elencando ad Occhiuto “i continui disguidi, inefficienze, rallentamenti e spesso black-out, del portale che storicamente è stato obsoleto, sin dal momento della sua attivazione”. “Certamente, onorevole Presidente, si renderà conto della importanza strategica, che riveste questo portale, attraverso il quale transitano tutte le pratiche edilizie e commerciali dell’intera Regione” ha proseguito il consigliere dell’Ordine evidenziando, a suo avviso, la contraddizione tra l’imponente campagna marketing per la promozione turistico-attrattiva dispiegata dall’Ente regionale attraverso la sponsorizzazione di trasmissioni televisive nazionali e dirette per il festeggiamento della fine dell’anno avviate con la RAI finalizzate ad una strategia di sviluppo della Regione e la mancanza “strumenti necessari per metterli in atto” ritenuti “inefficienti ed antiquati”. L’incaglio consisterebbe nei picchi di traffico rilevati sul portale dovuti a contestuali accessi multipli che ne impedirebbero l’utilizzo a cittadini, tecnici e imprese. Da qui l’esortazione a porre rimedio ai continui disservizi dell’importante strumento telematico per permettere alle aziende di investire e a cittadini e tecnici “di poter usufruire di servizi efficienti ed al passo con i tempi”.