HomeAltre Notizie"Africalabria": due anni dopo i fatti di Rosarno, per non dimenticare

“Africalabria”: due anni dopo i fatti di Rosarno, per non dimenticare

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:
ROSARNO  –  Annus terribilis, il 2011, per Rosarno e la Piana di Gioia Tauro tutta. E il futuro promette
pessimi auspici: licenziamenti di massa al Porto, impianti turistici e supermercati chiusi, le arance che restano suglialberi e i terreni che vengono abbandonati.
In questa situazione, ci accingiamo a pagare la crisi, ad affrontare i sacrifici che l’Europa ci chiede per rimediare a unasituazione che non abbiamo creato NOI.
Tutto questo vuol dire DISOCCUPAZIONE, ospedali chiusi, servizi che vengono meno e qualità della vita semprepeggiori per tutti. Per gli italiani e per gli immigrati. Per i braccianti e per i piccoli produttori. Per gli operai e per tutti icittadini. E disoccupazione, per gli immigrati in Italia, significa clandestinità se non trovi un’occupazione entro seimesi.
Intanto, nelle nostre campagne i braccianti africani continuano a vivere a centinaia in condizioni disumane, mentre iprofitti degli agrumi, dei kiwi e dell’olio, attraverso i supermercati, vanno ai grandi gruppi che ci strozzano, imponendoprezzi stracciati alla fonte.
Il sistema che ci sfrutta da decenni ora ci dice che non serviamo più, non servono i nostri agrumi, non servono lebraccia dei nostri migranti. Serve invece il nostro territorio per impianti di ogni tipo che ci avvelenano la vita edistruggono la terra, come la centrale turbogas a Rizziconi, o l’inceneritore di Gioia Tauro per il quale è quasi pronto ilraddoppio, o il rigassificatore a San Ferdinando, che distruggerà decine di ettari di terreno agricolo, danneggerà ancordi più le attività del porto e ci esporrà tutti al rischio d’incidenti catastrofici.
In questa situazione, è insensato attaccare i migranti, non ha senso mettere i deboli contro i deboli o i “penultimi”contro gli “ultimi”. L’unica possibilità è stare insieme per difendere i diritti di tutti. UNITI per difendere il diritto adecidere su ciò che ci riguarda: il porto, il rigassificatore, l’agricoltura… la TERRA!
Affinché il porto sia rilanciato e i posti di lavoro difesi.
Affinché i terreni agricoli rimangano tali e offrano un lavoro degno ai lavoratori, immigrati e non, e un reddito aiproprietari. 

Sabato 7 Gennaio, dalle ore 11,00
alla 2° Zona industriale di San Ferdinando
da mattina a sera, FESTASSEMBLEA in difesa del lavoro e della terra:
trascorreremo una giornata proprio laddove dovrebbe sorgere il rigassificatore, un luogo simbolo, per riaffermare lavolontà di strappare la nostra terra alla costruzione di megaimpianti e di restituirla agli agricoltori e alle POPOLAZIONILOCALI.
ITALIANI E IMMIGRATI, LAVORATORI E DISOCCUPATI
PRENDIAMOCI PER MANO, AFFRONTIAMO I NEMICI.
LOTTIAMO INSIEME PER IL NOSTRO FUTURO!

Africalabria
Donne e uomini senza frontiere,
per la fraternità

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Laureana, ancora chiuso il tratto di strada pedemontana

Da ormai più di un biennio la strada, realizzata di recente, che permetterebbe un alleggerimento del traffico sulla SGC, non è praticabile e non se ne conosce il motivo

‘Ndrangheta: Estorsioni, sequestri e riciclaggio. Arrestate 56 persone in tutta Italia

L'operazione di polizia a Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Palermo, Avellino, Benevento, Parma, Milano, Cuneo, L’Aquila, Spoleto e Civitavecchia

Arresti ‘ndrangheta: i nomi dei soggetti coinvolti

Tra gli arrestati anche persone di Palmi, Taurianova, Barritteri di Seminara, Gioia Tauro e Polistena