HomeAmbienteTra le foci altamente inquinate c'è anche quella del Petrace: il report...

Tra le foci altamente inquinate c’è anche quella del Petrace: il report di Legambiente

Pubblicato il

In Calabria il 58% dei punti campionati da Goletta Verde lungo le coste è oltre i limiti di legge: è quanto emerge dai dati del monitoraggio di Legambiente lungo le coste calabre. I dati sono stati presentati oggi in occasione dell’ultima giornata di tappa di Goletta Verde a Crotone. I campionamenti sono stati effettuati tra il 28 giugno e il 17 luglio e hanno monitorato le acque di 24 punti: 17 in punti critici come foci di fiumi, canali, scarichi, fiumare, e i restanti 7 in mare.

Nella provincia di Cosenza sono 7 i punti campionati, di cui 1 fortemente inquinato, la foce del torrente Colognati a Marina di Rossano. Tre nella provincia di Catanzaro, di cui 1 fortemente inquinato, la spiaggia presso la foce del Corace sulla Via Lungomare Stefano Pugliese a Catanzaro Lido e un punto inquinato tra Montepaone Lido e Soverato, la foce del fosso Beltrame.

Nella provincia di Crotone 2 punti su 3 sono risultati fortemente inquinati, la foce del fiume Esaro a Crotone e il punto presso la Foce del canale nella Spiaggia a destra del Castello di Le Castella.

Sei nella provincia di Reggio, di cui 4 fortemente inquinati: la foce del fiume Petrace a Gioia Tauro, la foce del Torrente Sfallasà presso il campo sportivo a Bagnara Calabra, la foce del torrente Annunziata, nei pressi del lido comunale di Reggio, lo sbocco Fiumara Sant’Elia a Montebello Jonico.

Vibo fa l’en plein con i 5 punti campionati tutti fortemente inquinati: la foce fiume Angitola a Pizzo, la foce Trainiti a Vibo, foce del torrente Murria a Briatico, foce del torrente Ruffa a Ricadi e foce del canale sulla spiaggia di Coccorino a Marina di Nicotera. 

«Il quadro che emerge è, ancora una volta, poco rassicurante – afferma Anna Parretta, presidente Legambiente Calabria -. Come sempre sono le foci dei fiumi che presentano le maggiori criticità. Persistono punti fortemente inquinati. La regione ha attivato alcuni processi sia per efficientare i sistemi di depurazione sia in un’ottica di controllo sugli scarichi illegali, sui quali diamo un giudizio positivo, ma è indispensabile agire con celerità e con maggiore determinazione a tutela del nostro mare, degli ecosistemi e della salute dei cittadini oltre che dell’economia».

Ultimi Articoli

Comizi a Gioia Tauro: Mariarosaria Russo apre “in bellezza”

Il percorso verso le elezioni amministrative 2024 della Città di Gioia Tauro è ormai...

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali

Taurianova, la biblioteca Renda riapre le porte

Riapre le porte, dopo sette anni di chiusura, la biblioteca comunale Antonio Renda -...

Raccolta vetro, a Taurianova arrivano i cassonetti intelligenti per il risparmio in bolletta

l Comune spinge per il conferimento di prossimità. Biasi e Caridi si appellano a famiglie e aziende: «Collaborate per abbattere i costi del servizi»

Plastic Free in azione in 300 città italiane per la giornata della Terra: c’è anche Reggio Calabria

Un evento senza precedenti organizzato in occasione della Giornata della Terra

A Bagnara costituito un tavolo tecnico contro l’apertura della discarica “La Zingara”

Sottoscritto l'atto di risoluzione costitutivo del tavolo tecnico permanente intercomunale contro l'apertura della nuova discarica "La Zingara" a Melicuccà.