HomeAmbienteS. Ferdinando: «Se le istituzioni sono unite la lotta per un mare...

S. Ferdinando: «Se le istituzioni sono unite la lotta per un mare pulito si può vincere»

Pubblicato il

Sono ormai annosi i problemi di balneabilità che affliggono diffusamente la Calabria. Le cronache riportano anche quest’anno notizie sulle criticità che riguardano il mare, oramai in maniera estesa e pervasiva, mettendo a rischio la reputazione dell’intera regione e la stabilità del settore turistico.

Anche San Ferdinando è vittima di queste dinamiche: non si contano neanche più le richieste di intervento, le riunioni invernali, le istanze rivolte alla Procura della Repubblica, agli organismi regionali e le ispezioni sul campo, così come non si contano le legittime proteste di cittadini e visitatori di fronte a un mare che delude le aspettative ed è causa di frustrazione, delusione e rabbia.

L’amministrazione guidata da Luca Gaetano ha dato fin dall’inizio del mandato amministrativo massima priorità al tema ambientale, su cui si basa l’intera opera di rigenerazione della città e di recupero della vocazione turistica.

La giunta Gaetano, dopo l’esposto il Procura del 25 luglio 2022, ha proseguito nell’opera di indagine e sensibilizzazione appellandosi a Regione, Enti di controllo e Forze dell’Ordine per attivare un processo collaborativo finalizzato in primo luogo a ridurre il danno e in secondo luogo a eliminare totalmente il problema.

“Siamo più che convinti che il mare abbia in sé la capacità di auto-rigenerarsi, prova ne è che nel 2020, anno della pandemia, le acque sono state sempre cristalline e invitanti, segno inequivocabile che le criticità sono dovute all’incremento della popolazione legata ai flussi turistici,  alle produzioni agricole e industriali, all’uso improprio delle reti idriche, dei corsi d’acqua e – probabilmente – dei sistemi di depurazione.

Questo ci spinge a proseguire nell’opera di salvaguardia e protezione dell’ambente marino, consapevoli che tutte le attività mirate a evitare comportamenti illeciti, inappropriati o a superare l’inadeguatezza delle infrastrutture potranno sicuramente condurci a brillanti risultati.

Il nostro mare, fortunatamente, non è cronicamente inquinato ma spesso la serena balneazione è impedita dalla torbidità e dalla colorazione repellente delle acque, fenomeno che soffoca ogni ipotesi di sviluppo e di rilancio economico della città.

Riteniamo poco utile concentrarci nella ricerca di fonti marine di inquinamento, semmai è fondamentale attuare tutte quelle attività di vigilanza, ispezione e controllo nell’entroterra, a partire dai deficit depurativi del fiume Mesima e dei suoi affluenti Metramello e Vena –  su cui intendiamo procedere con fermezza e determinazione – e proseguendo con controlli stringenti su impianti di sollevamento, infrastrutture di collettamento, autobotti, autospurghi, reti idriche nei compound industriali, scarichi fognari abusivi, depuratori comunali e consortili. Più che di operazione ecologica dovremmo parlare di operazione di polizia e per questo ci appelliamo e richiederemo formale supporto a tutte le Forze dell’Ordine e agli organismi di monitoraggio per giungere ai risultati attesi.

Nel frattempo vogliamo ringraziare pubblicamente e vivamente il Generale Emilio Errigo, Commissario di Arpacal, il Direttore Scientifico di Arpacal Professor Michelangelo Iannone, il Direttore del Dipartimento Ambiente e Territorio della Regione Calabria IngegnereSalvatore Siviglia, il Governatore Roberto Occhiuto e tutti i tecnici e i funzionari che stanno aiutando San Ferdinando ad aggredire questo grave problema. Il battello “spazzamare” Pelikan di Garbage Group è intervenuto già due volte sul nostro litorale, il 14 e il 22 agosto, con attività ispettive sofisticate con uso di rover sottomarini e droni a infrarossi e la presenza diretta dei massimi vertici regionali.”

Le attività proseguiranno in autunno e in inverno, l’amministrazione comunale di San Ferdinando è intenzionata a non demordere, proseguendo l’attività avviata già da questo inverno e confidando di raggiungere gli obiettivi previsti grazie alla disponibilità già acquisita da parte di Regione Calabria e Arpacal senza dimenticare, naturalmente, il prezioso contributo che verrà richiesto alla Guardia Costiera, alla Capitaneria di Porto, alla Guardia di Finanza e tutte le Forze dell’Ordine.

Ultimi Articoli

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Inaugurato a Taurianova il Borgo sociale per i migranti

La struttura supera il ghetto di contrada Russo. Ieri il taglio del nastro alla presenza del prefetto Clara Vaccaro e del sindaco Roy Biasi

Sabato a Taurianova la presentazione del libro “Il riflesso degli Eroi” del Generale Rispoli e del Capitano Catizone

L'iniziativa rientra tra le manifestazioni proposte per l'evento Capitale del Libro 2024

Raccolta vetro, a Taurianova arrivano i cassonetti intelligenti per il risparmio in bolletta

l Comune spinge per il conferimento di prossimità. Biasi e Caridi si appellano a famiglie e aziende: «Collaborate per abbattere i costi del servizi»

Plastic Free in azione in 300 città italiane per la giornata della Terra: c’è anche Reggio Calabria

Un evento senza precedenti organizzato in occasione della Giornata della Terra

A Bagnara costituito un tavolo tecnico contro l’apertura della discarica “La Zingara”

Sottoscritto l'atto di risoluzione costitutivo del tavolo tecnico permanente intercomunale contro l'apertura della nuova discarica "La Zingara" a Melicuccà.