HomeCronacaS. Cristina, i carabinieri trovano 80 ghiri congelati durante una perquisizione

S. Cristina, i carabinieri trovano 80 ghiri congelati durante una perquisizione

Pubblicato il

A Santa Cristina d’Aspromonte i carabinieri della Compagnia di Palmi, nell’ambito di controlli finalizzati alla ricerca di armi e munizioni in zona aspromontana, collaborati dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno denunciato un 58enne del posto per furto aggravato.

In particolare, a seguito di un controllo presso l’abitazione dell’uomo e altra proprietà nelle vicinanze, i militari hanno rinvenuto 80 ghiri all’interno di due congelatori, suddivisi in buste di cellophane e destinate al consumo alimentare.

Gli esemplari di ghiro (Glis glis) considerati “specie protetta”, sono una fauna tipica dell’Aspromonte, spesso oggetto di cattura di molti dediti alla pratica del bracconaggio, la cui carne, ritenuta particolarmente pregiata, è molto spesso usata anche come merce di vendita per il ricavo di notevoli profitti.

Un’attività quella dei militari dell’Arma che mira, ancora una volta, al contrasto di ogni attività tesa a minare la sicurezza della collettività e proteggere il patrimonio comune della fauna selvatica e dell’ambiente.

Trattandosi di provvedimento in fase di indagini preliminari, rimangono salve le successive valutazioni in sede processuale.

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori