HomeCronacaRosarno: Finisce in carcere per aver aggredito il suo soccorritore

Rosarno: Finisce in carcere per aver aggredito il suo soccorritore

Pubblicato il

Lucian Ciuculescu

ROSARNO (23 settembre 2011) – Ha fratturato una costola all’autista del 118 che lo stava soccorrendo e per questo è stato arrestato dai poliziotti del commissariato di Gioia Tauro con l’accusa di lesioni personali e violenza ad incaricato di pubblico servizio. E’ successo ieri a Rosarno a Lucian Ciuculescu un rumeno di 36 anni che in evidente stato di ebbrezza ha malmenato uno dei suoi soccorritori.

Secondo la ricostruzione effettuata dai poliziotti, l’uomo riverso a terra si sarebbe rifiutato di salire sull’ambulanza giunta da Gioia Tauro per prestare le cure necessarie. Dopo diversi minuti il personale del 118 sarebbe riuscito a convincere Ciuciulescu che però prima di sdraiarsi sulla lettiga avrebbe dato un violento pugno al fianco dell’autista, fratturandogli l’ottava costola destra.

Nonostante il forte dolore l’uomo ha condotto l’ambulanza fino all’ospedale di Gioia Tauro.

Ciuculescu, già noto alle forze di polizia per episodi analoghi, è stato arrestato e condotto nel carcere di Palmi per essere giudicato con il rito direttissimo.

Lucio Rodinò

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori