HomeCronacaArrestato il latitante Antonino Pesce

Arrestato il latitante Antonino Pesce

Pubblicato il

Stamattina a Gioia Tauro i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria insieme a quelli della locale Compagnia Carabinieri, collaborati da militari dello Squadrone Cacciatori Calabria, hanno arrestato il 34enne Antonino Pesce per i reati di associazione per delinquere di tipo mafioso e traffico internazionale di droga.

Pesce, latitante dal luglio 2016 quando si era sottratto ad un provvedimento di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione Vulcano, si nascondeva all’interno di un’abitazione del quartiere Marina a Gioia Tauro.

L’uomo è stato individuato al termine di un’attività d’indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Gioia Tauro, supportata dalla Compagnia diretta da Gabriele Lombardo, insieme al Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia.

In particolare attraverso attività tecnica e l’imprescindibile patrimonio informativo della Stazione Carabinieri, si è riuscito ad individuare la presenza del latitante nell’abitazione ove si era recato verosimilmente per incontrare la compagna ed i figli.

Pesce, all’atto dell’irruzione dei militari, ha tentato di disfarsi, lanciandola da una finestra, di una pistola, poi prontamente recuperata dai carabinieri.

L’arma era una pistola semiautomatica in ottimo stato e perfettamente efficiente, completa di caricatore e relativo munizionamento. Era stata rubata a Civitanova Marche nel 2015.

Pesce non ha opposto ulteriore resistenza.

Antonino Pesce è ritenuto, anche a seguito dello stato di detenzione di altri familiari, il reggente dell’omonima cosca, colui che si occupava dell’approvvigionamento delle risorse finanziarie, principalmente gestendo l’attività di importazione di cocaina dal Sudamerica e curando l’esfiltrazione della stessa laddove importata da altri e stoccata in container sbarcati al porto di Gioia Tauro, amministrando tali risorse finanziarie e distribuendole ai vertici della cosca detenuti ed ai loro familiari.

Inoltre è accusato di aver curato i rapporti con le altre cosche in particolare quelle dei Bellocco e dei Molè, più in generale svolgendo le funzioni di organizzatore e promotore della cosca.

I carabinieri hanno arrestato anche il 53 enne Tonino Belcastro.

È accusato di favoreggiamento personale.

Era con il latitante, al momento del blitz e la casa in cui si trovavano è di sua proprietà

I due arrestati si trovano adesso all’interno del carcere di Palmi.

Ultimi Articoli

Gioia, vendevano on line mezzi agricoli a prezzi vantaggiosi: denunciati tre soggetti per truffa aggravata

L'indagine della polizia è partita dal racconto di una donna che ha pagato 3e500 euro per l'acquisto di un trattore

Un ponte tra l’amministrazione e il mondo dei ragazzi: nasce a Palmi la Consulta giovanile

L'assessore Celi: «Spazio importante; vogliamo avvicinare le generazioni dei più piccoli alla politica»

La fortuna bacia Sinopoli: vinti 35mila euro al 10 e Lotto

La vincita è avvenuta ieri con un "6 doppio oro"

Il circolo di Polistena Futura dedicato a Giacomo Matteotti

Dedicato a Giacomo Matteotti il circolo di Polistena Futura che, nel centenario del rapimento...

Gioia, vendevano on line mezzi agricoli a prezzi vantaggiosi: denunciati tre soggetti per truffa aggravata

L'indagine della polizia è partita dal racconto di una donna che ha pagato 3e500 euro per l'acquisto di un trattore

‘Ndrangheta e politica, tra gli indagati anche Falcomatà e i consigliere Neri e Sera

L'indagine riguarda presunti illeciti commessi in occasione delle elezioni regionali del 2020 e del 2021 e delle elezioni comunali a Reggio del 2020. Nel mirino la cosca Araniti

Incidente in autostrada tra Rosarno e Gioia Tauro, tre persone ferite

Non si conoscono ancora le condizioni di salute delle persone coinvolte. Sul posto 118 e vigili del fuoco