HomeAltre NotizieReferendum al Porto, Cgil: «Non si alimenti la tensione con provocazioni insensate»

Referendum al Porto, Cgil: «Non si alimenti la tensione con provocazioni insensate»

Pubblicato il

Riceviamo e pubblichiamo:
Mentre continuano le operazioni di voto al Porto di Gioia Tauro e, grazie ad un altissima partecipazione   si sta registrando uno dei momenti più alti dell’espressione di democrazia e trasparenza che abbia mai vissuto il mondo del lavoro nella Piana ed in Calabria, accadono spiacevoli episodi. Infatti, stamane, si sono vissuti momenti di tensione e si sono registrati baruffe tali da far intervenire le forze dell’ordine,  quando alcuni lavoratori,avendo deciso di riprendere  lavoro, si apprestavano a salire sul bus per raggiungere  la zona operativa.
Riteniamo che sia sempre sbagliato non dare spazio alla libertà di scelta rispetto ai modi democratici di rappresentare una protesta  per manifestare liberamente . E’ per noi stato importante rispettare e condividere, alcuni giorni fa , la scelta spontanea di fermare il porto all’atto della rottura della trattativa. Riteniamo , però,altrettanto rispettosa la scelta dei lavoratori di riprendere le attività in presenza di una consultazione referendaria   e subordinare  la valutazione di ogni iniziativa anche all’esito delle urne.
E’ perciò insensato, fuor  di luogo agire anche  indirettamente e  rischiare di favorire situazione di contrasto e tensione tra il personale, lavoratori  che già vivono una forte situazione di disagio per la pesante crisi che sta vivendo il Porto di Gioia Tauro .
Come Cgil e Filt invitiamo tutti ad abbassare i toni, ad emarginare comportamenti e provocazioni lontani dalla legalità e dalla democrazia.
Noi , come Organizzazione Sindacale Confederale non abbiamo mai pensato di costruire il consenso ed ampliare la nostra  rappresentanza  cavalcando l’onda della variabile del dissenso. E’ questo il momento, invece, di grandi assunzioni di responsabilità per consolidare le  basi di una ripartenza del Porto al fine di incalzare la politica le  istituzioni, affinché si realizzino le condizioni per far uscire Gioia Tauro da questa grave situazione.
Al di là del risultato referendario , che è solo una condizione di base, la lotta continua per  difendere il lavoro ed i diritti e far uscire il nostro territorio dall’isolamento. Gioia Tauro è in Italia e in Europa e deve continuare ad aver il più importante terminal del mediterraneo e diventare la vera piattaforma logistica del paese. Un pensiero particolare di vicinanza và alla famiglia del lavoratore Cecè Furfaro scomparso prematuramente, nelle scorse ore.

Gioia Tauro 29.07.2011

Antonino Calogero
Segretario Generale Cgil

Domenico Laganà
Segretario Generale Filt Cgil

Ultimi Articoli

Villa, anziani vittime di truffa: denunciata una coppia di partenopei

I carabinieri sono riusciti a individuare e bloccare i due malviventi

“Libera fortezza”, il Tribunale di Palmi emette la sentenza

Tra gli assolti anche Franco Cutano difeso dagli avvocati Rosanna Certo del Foro di Palmi e Luca Cianferoni del Foro di Roma, con la collaborazione dell’avvocato Annamaria Calderazzo del Foro di Palmi

Reggio, denunciato un uomo per lesioni e rapina: ha sottratto un cane aggredendo il proprietario

Il 32enne è stato sottoposto a obbligo di firma. La vittima è in cura con una prognosi di 10 giorni

G7, Nesci: «Spostata l’attenzione dei Grandi del pianeta sul Mezzogiorno»

L'eurodeputato FdI-Ecr: «Il consenso unanime sul Piano Mattei avrà ricadute dirette sull’Europa, sul nostro Paese e soprattutto sul Mezzogiorno»

“Therun – Free Run 2024”: Il Mito Harley-Davidson arriva per la prima volta nella Locride

"Mettere passione in tutto ciò che si fa" è il motto di Harley-Davidson, il...

Un ponte tra l’amministrazione e il mondo dei ragazzi: nasce a Palmi la Consulta giovanile

L'assessore Celi: «Spazio importante; vogliamo avvicinare le generazioni dei più piccoli alla politica»

“Un’estate… Capitale”: presentato a Taurianova il cartellone con gli appuntamenti della stagione

Il programma unisce intrattenimento e letteratura. Tra gli ospiti: Luca Word, Eugenio Finardi, Fausto Leali, Arisa, Fiordaliso, Alessandro Preziosi, Tommaso Labate