HomeCulturaPer "Teatro chiama terra", di scena a Polistena Le gratitudini di Delphine...

Per “Teatro chiama terra”, di scena a Polistena Le gratitudini di Delphine de Vigan

Pubblicato il

Continua senza sosta anche nel mese di marzo la stagione teatrale “Teatro chiama Terra”, promossa da Dracma – Centro Sperimentale d’Arti Sceniche all’Auditorium Comunale di Polistena.

In programma sabato 9 marzo alle ore 21.00 “Le gratitudini” adattamento dell’omonimo romanzo francese di Delphine de Vigan e regia di Paolo Triestino con protagonisti quattro celebri attori del teatro italiano: Lucia Vasini, Lorenzo Lavia, Paolo Triestino, Valentina Bartolo che abbandonano l’usuale vestito comico e ci regalano uno spettacolo poetico ed emozionante sul valore della parola “grazie”.

Il regista mette in scena la storia di Michka, anziana correttrice di bozze di origini polacche, che per anni ha accudito Marie, figlia di una vicina di casa assente e problematica. Ora è lei ad avere bisogno di aiuto: perde le parole, proprio lei che con le parole ha giocato per tutta la vita. Marie e Jerome, giovane e appassionato ortofonista, accudiranno e sosterranno Michka nel suo ultimo viaggio, determinata a dire grazie a tutti coloro che l’hanno aiutata, soprattutto a chi l’ha salvata bambina dallo sterminio nazista.

«Vi siete mai chiesti quante volte al giorno dite grazie? Grazie per il sale, per la porta, per l’informazione. Grazie per il resto, per il pane, per il pacchetto di sigarette. Grazie di cortesia, quasi vuoti. Grazie a te. Grazie di tutto. Grazie infinite. Grazie mille. Grazie professionali: grazie per la sua risposta, il suo interessamento, la sua collaborazione. Vi siete mai chiesti quante volte nella vita avete detto grazie sul serio? Un vero grazie. A chi? All’insegnante che vi ha fatto amare i libri? Al ragazzo che è intervenuto il giorno in cui siete stati aggrediti per strada? Al medico che vi ha salvato la vita? Alla vita stessa?».

Si apre così Le Gratitudini, di Delphine de Vigan. 

Uno spettacolo da non perdere, vero e proprio dirompente inno alla vita, dove quattro esistenze si incrociano in un mirabile intreccio di sentimenti, passioni, rimpianti, ma dove tutto è ancora possibile. Basta volerlo, con caparbietà e decisione. E con un sorriso.

La stagione teatrale di Polistena 2023/2024 è sostenuta da Ministero della Cultura, Regione Calabria e Comune di Polistena. 

Ultimi Articoli

Presto una “big bench” a Rovaglioso. La panchina enorme diventata virale grazie a Instagram

Palmi, l'iniziativa rientra nel progetto di valorizzazione dell'area promosso dalla corporazione Marinai della Varia insieme ad altre associazioni del territorio

Reggio, fermati 4 presunti scafisti con l’accusa di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina

L'indagine è scattata dopo lo sbarco, avvenuto lo scorso 8 aprile, di 133 cittadini extracomunitari

Gioia, assolti alcuni sindacalisti coinvolti nella manifestazione al Porto del 2017

Il segretario confederale OrSA Calabria, Vincenzo Rogolino: «Auspico per il futuro maggiore dialogo e meno atti discriminatori da parte degli attori principali dell’area portuale»

Tutto pronto a Reggio per la finale nazionale dei Campionati Italiani di Astronomia

Il sindaco Falcomatà e il Consigliere Quartuccio: «Un grande onore ospitare un evento che dà lustro al nostro territorio. Evento importante per il brand Reggio, per un'idea di città che sia anche destinazione turistica per eventi culturali»

Reperti del terremoto del 1908 si aggiungono al patrimonio del Comune di Reggio Calabria

Diversi monili e varia documentazione, già esposti nel corso della mostra al Castello Aragonese, saranno destinati al costituendo Museo civico cittadino

Sarà la musica la protagonista al Festival di diritto e letteratura. Super ospite Claudio Baglioni

Palmi, presentato il programma della undicesima edizione della manifestazione che si svolgerà dal 18 al 20 aprile