HomeAltre NotiziePalmi :"Parole violente" tra letteratura, diritto e donne coraggiose

Palmi :”Parole violente” tra letteratura, diritto e donne coraggiose

Pubblicato il

PALMI – Giuseppina Pesce, Maria Concetta Cacciola, Brunella Morabito. È a queste donne che si sono distinte per il coraggio e per le violenze subite che è andato il riferimento primo al convegno dal titolo “Parole violente” che si è tenuto poche ore fa all’istituto di psicologia “Sergi” di Palmi.

E a parlare di loro è stato Arcangelo Badolati, dopo i saluti del sindaco Giovanni Barone, il cui pensiero è andato alla “pressione psicologica che le donne musulmane sono costrette a subire”.

“A Rosarno ci sono donne schiave che vivono come arabe”, ha esordito il giornalista. “Non puoi essere bella perché se il mafioso di turno ti sceglie, tu neanche lo sai e diventi sua. E questo succede a 16 anni. Quando più grande, a 21 o 22 anni, scopri l’amore vero, l’istinto ti porta ad uscire da quella prigione sociale mafiosa, com’è successo alla Cacciola”.

Tanti i riferimenti con tanto di dettagli che Badolati ha fornito ad una platea attenta, interessata ai fatti che legge ogni giorno sui giornali, raccontati con la giusta severità per non addolcire in alcun modo l’atteggiamento violento subito dalle donne citate.

“Ma la letteratura può essere il veicolo che indirizza i giovani verso la non violenza?”. È attorno a questa domanda invece che si è sviluppato l’intervento di Anna Pizzimenti, avvocato, che ha cercato le giuste connessioni tra scrittura, poesia e diritto, passando per la convenzione di Istambul, Richardson e la storia di Beatrice Cenci.

“La letteratura può essere vista come una lente d’ingrandimento che serve per indagare sulla società e reprimere il fenomeno. – ha spiegato – Ma va contestualizzata”.

L’incontro, moderato da Maria Adele Brancato, docente dell’Università degli studi di Messina, organizzato dalla scuola “G Sergi” con il patrocino del comune di Palmi, e la collaborazione di Fidapa, Innerwheel, e Soroptimist International, è stato poi impreziosito dal monologo di Franca Rame, interpretato da Lilli Sgrò.

Un convegno dalla tematica forte, toccante, incisiva, che è riuscito a lanciare spunti di riflessione profondi che servono ad arricchirsi. Perché “Chi maneggia la cultura, – ha concluso Badolati – non può essere intrappolato”.

Ultimi Articoli

Comizi a Gioia Tauro: Mariarosaria Russo apre “in bellezza”

Il percorso verso le elezioni amministrative 2024 della Città di Gioia Tauro è ormai...

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali

Taurianova, la biblioteca Renda riapre le porte

Riapre le porte, dopo sette anni di chiusura, la biblioteca comunale Antonio Renda -...

Comizi a Gioia Tauro: Mariarosaria Russo apre “in bellezza”

Il percorso verso le elezioni amministrative 2024 della Città di Gioia Tauro è ormai...

Cittanova, inaugurata alla SRC una sala di doppiaggio intitolata a Oreste Lionello

Un omaggio al grande attore e doppiatore, reggino di adozione, che ha donato la voce ad alcuni grandi del cinema come Woody Allen

Laureana, oggi alla Casa della Musica il recital di Antonella Monterosso

Alle 19:00 per la rassegna "Primavera in Musica"