HomeCronacaOperazione "Pollo Fantasma": quattro arresti della Guardia di Finanza

Operazione “Pollo Fantasma”: quattro arresti della Guardia di Finanza

Pubblicato il

PIANA – Ennesima truffa ai danni della Comunità Europea e della Regione Calabria scoperta dal Gruppo Tutela Finanza Pubblica del Nucleo di Polizia Tributaria di Reggio Calabria quest’oggi, che ha portato all’arresto di quattro persone, tra San Ferdinando e Vibo Valentia. Si tratta di Alessandro Mallamace, 49 anni, rappresentante legale della Cooperativa Aulinas e della Avicola Sud di San Ferdinando, Francesco Suraci, di 43 anni, titolare della ditta Suraci con sede a Vibo Valentia, ed i fratelli Antonino e Paolo Carriago, di 35 e 31 anni, titolari di due ditte con sede a Reggio Calabria, tutte ditte operanti nel settore dell’allevamento.

L’accusa per i quattro è di truffa aggravata per l’ottenimento di assegnazioni pubbliche, falso e frode fiscale, operati attraverso un sistema di frode promosso da Suraci e Mallamace, e messa in atto grazie ai fratelli Carriago e altre persone. Contestualmente sono stati sequestrati agli arrestati ed agli indagati beni immobili e conti correnti per un valore complessivo di 8,5 milioni di euro, pari alle risorse pubbliche indebitamente percepite. E’ quanto emerso nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’operazione che si è svolta presso la Procura di Palmi alla quale erano presenti oltre al procuratore capo Giuseppe Creazzo; il sostituto procuratore Sandro Dolce, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, col. Di Gesù, e il comandante del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza della Guardia di Finanza, col. Petruzziello.

Le Fiamme Gialle hanno scoperto false fatture di acquisto di beni e servizi, prevalentemente aventi ad oggetto prestazioni di natura edile, forniture ed installazioni di impianti mai avvenute o eseguite solo in parte; false anche le quietanze liberatorie rilasciate da vari fornitori di avvenuto pagamento di cessioni di beni e prestazioni di servizi, come riscontrato durante le  indagini bancarie che hanno messo in luce l’assenza di effettivi movimenti finanziari attestanti i pagamenti dichiarati. Infine, i sopralluoghi presso le varie imprese hanno evidenziato la falsità della certificazione di avvenuta realizzazione delle opere, rilasciate da tecnici e direttori dei lavori compiacenti.

Tre gli effetti principali che la truffa scoperta ha prodotto: per prima cosa il conseguimento di ingenti profitti da parte di soggetti non aventi alcun titolo per accedere alle risorse pubbliche, fondamentalmente quantificabili nel danno patito dall’Unione Europea e dalla Regione Calabria, che ammonta ad oltre 8,5 milioni di Euro; successivamente la vanificazione degli obiettivi di politica economica, tracciati a livello comunitario, in considerazione che le elargizioni pubbliche destinate a incentivare l’agricoltura e l’allevamento, sono finite nella disponibilità personale di numerosi imprenditori che non hanno realizzato il programma stabilito dal P.I.F. ed hanno tratto in inganno l’Ente erogatore, al quale hanno esibiti documenti falsi e per finire l’inquinamento dell’economia legale e del mercato concorrenziale dello specifico settore in considerazione che tutti gli imprenditori, i quali indebitamente hanno percepito contributi comunitari senza realizzare il programma del P.I.F. e senza sostenere le spese artificiosamente documentate, hanno acquisito una posizione, altrettanto indebitamente, vantaggiosa nel mercato a scapito dei soggetti che onestamente hanno realizzato gli investimenti finanziati e ancor di più ai danni degli imprenditori che non sono stati ammessi ai contributi in parola o non vi hanno aderito, consapevoli di non essere in possesso dei requisiti di legge per beneficiarne.

Le indagini – è stato detto – continueranno per accertare altre responsabilità; la Procura di Palmi inoltre ha mandato “un appello” al Tribunale della libertà di Reggio Calabria sottolineando le responsabilità accertate da parte dei soggetti indagati per i quali il Gip non ha ritenuto di accogliere le relative ordinanze di custodia cautelare richieste dalla Procura.

Ultimi Articoli

Palmi, la Metrocity investe sul Monte Sant’Elia: finanziato progetto di quasi 100mila euro

Versace e Ranuccio: «Riqualificazione ambientale e valorizzazione in chiave turistica»

Cittanova, un ricco cartellone di eventi per le festività natalizie

Numerosi gli eventi programmati dal comitato spontaneo "Cittanova in festa"

Rigassificatore a Gioia Tauro, Occhiuto: «Meloni prenda in mano questo dossier»

Le dichiarazioni del governatore Occhiuto in un'intervista a "La Stampa"

Porti, tasse d’ancoraggio ridotte a sostegno dei traffici portuali

L'obiettivo è di mantenere il primato nazionale di Gioia Tauro nel settore del transhipment. 

Eseguito un mandato di arresto europeo in Grecia per un 32enne ricercato nel Reggino

L'uomo è accusato anche di tentato omicidio nei confronti di un 59enne di Melito Porto Salvo

Uccisero in carcere un educatore, adesso uno degli imputati vuole patteggiare

Si tratta di Vittorio Foschini, coinvolto nell'inchiesta di 'ndrangheta "Wall Street"