HomeCronacaOmicidio Lo Prete, Mazzaferro confessa: «Mi sentivo perseguitato»

Omicidio Lo Prete, Mazzaferro confessa: «Mi sentivo perseguitato»

Pubblicato il

Ha confessato Giuseppe Mazzaferro, il 38enne arrestato per l’omicidio di Massimo Lo Prete, ucciso la sera del 13 gennaio scorso a Gioia Tauro all’interno di un distributore di benzina sulla statale 18.

Difeso dagli avvocati Guido Contestabile e Nico D’Ascola, Mazzaferro ha dichiarato ai pm di avere ucciso Lo Prete perché si sentiva perseguitato dalla vittima. Ai magistrati ha detto di avere avuto una reazione di impeto quando quella sera si è accorto che Lo Prete lo stava pedinando.

A supporto della sua versione ha chiesto agli investigatori di visionare le telecamere di sorveglianza nei pressi della sua abitazione e del luogo dove è avvenuto il delitto in modo da verificare se Lo Prete effettivamente lo stesse seguendo.

Rispondendo alle domande dei magistrati della Procura di Palmi, Mazzaferro non ha però saputo spiegare né le ragioni per le quali ha sparato né il motivo per il quale la vittima avrebbe dovuto perseguitarlo. Nessun riferimento è stato fatto dall’arrestato in relazione ad ambienti di ‘ndrangheta o a questioni di droga.

Il trentottenne, infine, ha indicato ai carabinieri il luogo dove ha nascosto la pistola utilizzata per uccidere Lo Prete. L’arma è stata ritrovata nelle campagne tra Drosi e Rizziconi.

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Non erano intervenuti in un incidente mortale: sospesi due vigili urbani a Taurianova

I due sarebbero effettivamente passati sul luogo dell'incidente senza attivare la macchina dei soccorsi