HomeCronacaOmicidio Agresta: La ricostruzione dei carabinieri

Omicidio Agresta: La ricostruzione dei carabinieri

Pubblicato il

PALMI (2 luglio 2011) – Francesca Agresta, 24enne di Gioia Tauro, e’ stata uccisa in località S.Elia a Palmi, dal padre naturale, un pensionato, Giovanni Ruggiero, di 83 anni, che subito dopo il fatto si e’ costituito ai Carabinieri.

Il brutale delitto è avvenuto intorno alle 9.00 di questa mattina; Francesca è uscita di casa, è salita in macchina, una BMW X3 e si è recata presso il parcheggio del centro commerciale “Il Porto degli Ulivi”.

Lì ha incontrato il padre e insieme sono arrivati fino a Palmi, ciascuno sulla propria auto. Una volta a Palmi, Francesca ha lasciato la sua macchina in via De Francia, vicino le torri, ed è salita sulla macchina del padre, in direzione Sant’Elia.

Giovanni Ruggiero

Qui iniziano a discutere, forse animatamente; Francesca voleva sposarsi ed il padre non aveva alcuna intenzione di darle la parte di denaro che la figlia da tempo gli chiedeva.

In un momento d’ira, l’uomo si è introdotto in un luogo appartato con l’auto, si è fermato, ha estratto un coltello ed ha più volte colpito la figlia.

Francesca ha tentato di difendersi con tutte le sue forze: almeno 6 i colpi rinvenuti dagli inquirenti, di cui 3 sul collo, due sulle braccia e uno sul ventre.

Dopo averla uccisa, ha preso il cadavere e l’ha gettato nel bosco, preoccupandosi di nasconderlo tra la fitta vegetazione.

Il luogo in cui è stato rinvenuto il corpo di Francesca Agresta

“Vai a prendere tua figlia a Sant’Elia”, ha detto l’uomo alla madre della ragazza, “L’ho lasciata lì”.

La donna si è recata sul posto con il fratello e la nipote, hanno cercato a lungo Francesca ma non sono riusciti a trovarla. Il cellulare risultava spento.

Nel frattempo Ruggiero, che era rientrato a Gioia Tauro, ha chiamato il figlio chiedendogli di accompagnarlo dai carabinieri e intorno alle 10.30 si è presentato in Caserma a Gioia Tauro. Ai militari ha raccontato di avere ucciso la ragazza a coltellate e di avere gettato il corpo in una pineta.

Immediate le ricerche su tutto il territorio di Sant’Elia ma del corpo di Francesca nessuna traccia. E’ stato il padre ad indicare ai militari il luogo in cui lo aveva abbandonato, recandosi con loro sul posto.

Le indagini sono coordinate dal Sostituto Procuratore di Palmi Luigi Illio ed eseguite dai Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, guidati dal Capitano Ivan Borracchia.

Per Ruggiero, reo confesso, si sono spalancate le porte del carcere.

Viviana Minasi

Ultimi Articoli

“Imperium”, annullata in Cassazione l’ordinanza del TAR nei confronti di Rocco Morabito

Il 37enne di Sant'Eufemia d'Aspromonte è imputato per tentata estorsione aggravata

A Cinquefrondi si parlerà di “Lupare rosa” con don Marcello Cozzi

Nell'ambito della rassegna "Festival dei libri e della lettura", lunedì 22 aprile, alle 18.00,...

Il lavoro di oltre 40 studenti su Rocca Armenia diventa un modello donato alla Pro Loco di Brancaleone

Realizzato un plastico in scala grazie all'impegno degli studenti del corso di disegno e rilievo dell'architettura della Mediterranea

Aperto il bando del Premio Letterario Giuseppe Berto 2024

Per la 31ma edizione nuova giuria presieduta dallo scrittore dello "Strega" Emanuele Trevi. Il 7 settembre la premiazione in Calabria, a Capo Vaticano

“Imperium”, annullata in Cassazione l’ordinanza del TAR nei confronti di Rocco Morabito

Il 37enne di Sant'Eufemia d'Aspromonte è imputato per tentata estorsione aggravata

Taurianova, bar frequentato da pregiudicati: licenza sospesa per 15 giorni

È il quinto nella sola Piana di Gioia Tauro

Operazione “Game over”: smantellata una rete di spacciatori nella Piana

L’operazione è dei carabinieri della compagnia di Taurianova