HomeAmbienteL'inceneritore al centro del prossimo consiglio provinciale

L’inceneritore al centro del prossimo consiglio provinciale

Pubblicato il

Giuseppe Longo, consigliere provinciale
Giuseppe Longo, consigliere provinciale

GIOIA TAURO – Si parlerà di inceneritore al prossimo consiglio provinciale previsto per la fine di aprile. Questa mattina il consigliere Giuseppe Longo ha infatti depositato l’ordine del giorno, indirizzato al presidente del consiglio provinciale Antonino Eroi.

«Premesso che nella Piana di Gioia Tauro insiste un inceneritore i cui effetti sull’ambiente appaiono dannosi a causa di una serie di fattori denunciati sia dai lavoratori di Ecologia Oggi che dalle organizzazioni sindacali e ambientaliste del territorio provinciale – si legge nel documento – Non si può lasciare la vertenza inceneritore sulle spalle dei lavoratori di Ecologia Oggi, perché significherebbe abbandonare ad un triste destino non solo le loro vite ma anche quelle di migliaia di cittadini della Piana che respirano sostanze gravemente nocive per la salute di tutti; all’inizio dell’anno 2013 troppi sono stati i giorni di fermo dell’inceneritore a causa della rottura all’interno della caldaia dei fasci tubieri o serpentine, considerato che la sostituzione di queste sembrerebbe essere avvenuta l’ultima volta circa due anni addietro così come sembrerebbe per i filtri dello stesso inceneritore; le condizioni igienico sanitarie sembrerebbero alquanto precarie evidenziandosi anche mancanza di manutenzione per servizi che in passato erano gestiti da ditte esterne; il personale sembrerebbe costretto a portarsi da casa diversi strumenti di lavoro per poter svolgere le proprie mansioni, oltre a dover lavorare in mezzo alla spazzatura presente in molti punti della caldaia dai nastri di caricamento CDR alla zona bruciatori; le ceneri pare siano depositate su tutta la zona della caldaia a causa di assenza di chi effettui la pulizia e addirittura ci sarebbero punti in cui vengono riversate a terra creando notevoli disagi e preoccupazioni per la salute dei lavoratori; sembrerebbe che nessuna derattizzazione sia stata effettuata sino ad oggi tanto che risulterebbero essere presenti topi all’interno degli armadi della media tensione; la presenza dei topi pare abbia provocato diversi blackout con un enorme spreco di soldi di metano per le continue ripartenze dei motori».

In considerazione di quanto premesso, e sottolineato che se fosse vero quanto sopra, è auspicabile che la Procura della Repubblica apra una inchiesta al fine di accertare tutte queste nefandezze inviando dei periti affinché si possa fare luce su ogni aspetto ed eventualmente rassicurare i cittadini che non vi sono rischi di inquinamento. «Il Prc – si legge ancora – sottopone questi interrogativi a tutti i soggetti istituzionali, per alzare il livello di attenzione su un tema, quale quello della salute pubblica, che non vogliamo delegare a nessuno, considerato che fino ad oggi niente e nessuno è stato in grado di rassicurarci».

Il documento si conclude con una richiesta di impegno della Provincia.

«Il consiglio si impegna dichiararsi contrario al raddoppio dell’inceneritore; inviare una delegazione del consiglio, coadiuvata da tecnici del settore Ambiente della Provincia, all’interno dell’impianto di Gioia Tauro per verificare il reale stato di manutenzione dello stesso e delle centraline che devono indicare il livello della qualità dell’aria del nostro territorio; verificare se le tre centraline presenti a Gioia Tauro, Polistena e Laureana sono funzionanti e nel caso in cui non lo fossero di farsi carico di provvedere alla loro sistemazione con relativo affidamento a soggetto terzo individuabile nell’ITIS di Polistena in possesso di attrezzature in grado di poter monitorare la qualità dell’ambiente della Piana; farsi carico di sollecitare la Regione Calabria ad istituire il registro tumori perché nessuno è in grado, con estrema certezza, di conoscere l’incidenza negli anni delle neoplasie divise per età e altre caratteristiche per prendere le dovute precauzioni; promuovere nel proprio territorio una cultura di salvaguardia dell’integrità ambientale».

Ultimi Articoli

Elezioni a Gioia Tauro: le dichiarazioni di Schiavone sull’apparentamento

Ad ormai una settimana dal voto, Rosario Schiavone rilascia una dichiarazione. Riportiamo fedelmente le...

Campionato mondale Para Standing Tennis, tra i partecipanti anche un palmese

Si tratta di Rocco Brando, 49 anni, che prenderà parte alla competizione che si svolgerà a Grugliasco dal 20 al 23 giugno

Autorità portuale, Pasquale Faraone nominato segretario generale

Il dirigente subentra ad Alessandro Guerri che ha lasciato l'incarico ricoperto dallo scorso gennaio

Il premio “Stefano Viola“ a Davide Possanzini: l’accoglienza di Falcomatà

Il sindaco: «Eroe di una Reggina da serie A, ci ricorda chi siamo stati e chi vogliamo tornare a essere»

Elezioni a Gioia Tauro: le dichiarazioni di Schiavone sull’apparentamento

Ad ormai una settimana dal voto, Rosario Schiavone rilascia una dichiarazione. Riportiamo fedelmente le...

Autorità portuale, Pasquale Faraone nominato segretario generale

Il dirigente subentra ad Alessandro Guerri che ha lasciato l'incarico ricoperto dallo scorso gennaio

Il premio “Stefano Viola“ a Davide Possanzini: l’accoglienza di Falcomatà

Il sindaco: «Eroe di una Reggina da serie A, ci ricorda chi siamo stati e chi vogliamo tornare a essere»