HomeCronacaLampedusa, ancora un naufragio: un peschereccio tunisino ha tentato di rubare il...

Lampedusa, ancora un naufragio: un peschereccio tunisino ha tentato di rubare il motore. Salvi 37 passeggeri

Pubblicato il

Un gruppo di migranti a Lampedusa ha raccontato di essere sopravvissuto a un naufragio al largo di Malta, causato dal tentativo di furto del motore della loro imbarcazione. Molti di loro – secondo il racconto – sono caduti in mare perché qualcuno su un peschereccio ha cercato di rubare il motore della barca su cui stavano tentando di raggiungere l’Europa, invece di soccorrerli.

Secondo quanto riferito, 37 passeggeri sono sopravvissuti al naufragio, 16 sono stati trasportati al centro sanitario di Lampedusa a causa di ipotermia o ustioni. 5 risultano invece dispersi, tra cui un bambino, mentre una donna ivoriana di 36 anni è morta.

«Ci siamo capovolti dopo che un peschereccio tunisino si è avvicinato e ha cercato di rubarci il motore», hanno raccontato martedì 25 luglio i sopravvissuti dopo aver raggiunto l’isola siciliana.

Al vaglio degli inquirenti, le denunce del tentativo di furto in quanto altri testimoni hanno riferito che il barcone di migranti si è capovolto mentre era al traino di un peschereccio tunisino, perché qualcuno avrebbe tagliato il cavo di traino al momento della partenza del barcone di migranti che imbarcava acqua.

Funzionari di polizia hanno notato un numero crescente di barconi di migranti che giunge senza motore e migranti e richiedenti asilo che raggiungono Lampedusa riferire che questi si sono persi durante la traversata. Tali incidenti possono verificarsi raramente, secondo gli esperti. Al contrario, un numero allarmante di navi non idonee alla navigazione viene rimorchiato alla deriva nel Mediterraneo perché sprovviste di motore.

Queste barche sono spesso soggette a furti, o tentati furti, da parte dei membri dell’equipaggio dei pescherecci tunisini, dicono i funzionari.

Alla fine di aprile di quest’anno, una bambina di quattro anni è caduta in mare ed è annegata dopo che l’imbarcazione di migranti su cui viaggiava è stata avvicinata dai membri dell’equipaggio di un peschereccio tunisino che cercava di rubare il motore.

I migranti hanno parlato per la prima volta del furto di un motore il 26 marzo, quando un’imbarcazione lunga sette metri con a bordo 42 persone è stata trovata alla deriva, senza motore. Quasi tutti i passeggeri avevano allora riferito ai soccorritori che i membri dell’equipaggio di un peschereccio tunisino erano saliti a bordo della loro barca e avevano rubato il motore.

Tali episodi avrebbero potuto verificarsi prima, ma fino al 26 marzo nessuno dei migranti trovati su navi a cui mancava un motore li aveva denunciati.

E i pubblici ministeri della città siciliana di Agrigento, guidati da Salvatore Vella, che stanno indagando sull’ultimo caso, ritengono che le bande a bordo dei pescherecci tunisini avrebbero rubato i motori dalle barche dei migranti per venderli ai contrabbandieri.

Ultimi Articoli

Intimidazione a Monsignor Nostro, la solidarietà del Gruppo Goel

«Certi dell'intervento fattivo delle forze dell'ordine»

La Polizia locale di Palmi in campo per il contrasto al gioco d’azzardo: sanzioni per 30mila euro

Dai controlli sono emerse diverse violazioni da parte dei gestori delle sale e dei distributori dei giochi

Il Rotary Club di Polistena promuove il convegno “Ambiente e cute”

Si è svolto a Polistena, nel Salone delle feste, un importante convegno su “Ambiente e...

Intimidazione a Monsignor Attilio Nostro, bossolo di pistola in curia

Episodio denunciato dal presule segue gesti analoghi a parroci

Intimidazione a Monsignor Nostro, la solidarietà del Gruppo Goel

«Certi dell'intervento fattivo delle forze dell'ordine»

La Polizia locale di Palmi in campo per il contrasto al gioco d’azzardo: sanzioni per 30mila euro

Dai controlli sono emerse diverse violazioni da parte dei gestori delle sale e dei distributori dei giochi

Intimidazione a Monsignor Attilio Nostro, bossolo di pistola in curia

Episodio denunciato dal presule segue gesti analoghi a parroci