HomeAltre NotizieLa bicicletta

La bicicletta

Pubblicato il

Quella mattina l’avevo lasciata vicino ai gradini della scuola. Ero di fretta e piovigginava. Mi ricordai che all’uscita sarei dovuto passare in farmacia per prendere lo sciroppo a mamma. Era a letto con la tosse. Il dottore aveva detto che i suoi polmoni erano deboli e bisognava seguire accuratamente la terapia, da lui prescrittale affinché guarisse.

La prima ora trascorse velocemente con la lettura della poesia “L’odore dei mestieri”, di Gianni Rodari. E ci divertimmo, così, a descrivere gli odori che percepivamo mentre camminavamo lungo la via che ci conduceva a casa.

Il mio preferito era quello che avvertivo passando davanti al fornaio. Entrandovi, la mia attenzione veniva, inesorabilmente, catturata dalle pagnotte fumanti che di buon mattino erano già pronte.

E poi dalle ciambelle e biscotti di riso… ahimè, cibo per ricchi!

Mamma, al mattino, mi porgeva una sola moneta che sarebbe dovuta bastare per il pane e, quindi, a sfamare me e i miei due fratellini.

Passammo alla lezione di Storia e poi alla Matematica: le addizioni.

Ma nella mia mente, sorvolava uno strano pensiero.

Qualche giorno prima, un bambino, con tono minaccioso, aveva pronunciato queste parole: «La tua bicicletta è vecchia e tu sei un pezzente».

Ero rimasto male. Non avevo nemici, ma stavo attento ad un gruppetto di ragazzini che cercava di metter paura a tutti gli altri.

Prima che suonasse la campanella, mi accorsi di aver lasciato il mio quaderno di italiano sotto il banco e lo raccolsi con attenzione, rimettendolo dentro la cartella. Al suono, tutti entusiasti, ci mettemmo in fila per l’uscita. Salutammo il maestro e uscimmo frettolosamente.

Appena scesi le scale dell’ingresso, notai che la mia bicicletta non c’era. Mi voltai, pensando che il bidello l’avesse spostata per pulire i gradini. Succedeva spesso. Non la vidi neppure appoggiata al muro. Feci il giro del giardino della scuola, ma la mia bicicletta non c’era.

«Me l’hanno rubata» – pensai – «Ne sono sicuro. Lo hanno fatto per cattiveria. Per mettermi paura».

A me, invece, serviva tanto.

Quel giorno, dovevo andare in farmacia a comprare lo sciroppo. Non sarei giunto in orario di apertura camminando a piedi. Mia madre avrebbe sofferto tutta la giornata.

Mi incamminai triste, con le lacrime agli occhi e sentendomi in colpa.

Dopo qualche giorno, il mio maestro suonò al campanello di casa: sorpreso della sua visita, aprii il portone e col sorriso negli occhi mi indicò con la mano una vecchia bicicletta: «Te la presto! A me non serve… la tenevo in cantina», mi disse.

Felice di quel regalo scoppiai in lacrime.

E così la mia nuova vecchia bicicletta mi accompagnò fino all’ultimo anno della scuola elementare.

Ultimi Articoli

Volley, l’OmiFer attende la Capitale nella bolgia del PalaSurace

Domani la squadra di mister Radici sfiderà in casa la SMI Roma

Al Teatro Gentile di Cittanova in scena Tosca d’Aquino e Giampiero Ingrassia

Il 9 febbraio appuntamento con "Amori e sapori nelle cucine del Gattopardo"

Reggio, domani la presentazione di “Guida all’Aspromonte misterioso”

Edito da Rubettino, è stato scritto da Giuseppe Battaglia e Alfonso Picone Chiodo

Laureana, ancora chiuso il tratto di strada pedemontana

Da ormai più di un biennio la strada, realizzata di recente, che permetterebbe un alleggerimento del traffico sulla SGC, non è praticabile e non se ne conosce il motivo

‘Ndrangheta: Estorsioni, sequestri e riciclaggio. Arrestate 56 persone in tutta Italia

L'operazione di polizia a Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Palermo, Avellino, Benevento, Parma, Milano, Cuneo, L’Aquila, Spoleto e Civitavecchia

Arresti ‘ndrangheta: i nomi dei soggetti coinvolti

Tra gli arrestati anche persone di Palmi, Taurianova, Barritteri di Seminara, Gioia Tauro e Polistena