HomeAltre NotizieIl coraggioso viaggio di Wagatha

Il coraggioso viaggio di Wagatha

Pubblicato il

SAMSUNG DIGITAL MOVIESi chiama Wagatha, ha 22 anni ed è incinta di otto mesi. Ma soprattutto è una dei 284 profughi sbarcati oggi pomeriggio al porto di Gioia Tauro (guarda il video).

Attorniata dalla sorella e amici conosciuti durante il lungo viaggio trascorso insieme, Wagatha non si lamentava di nulla.

Appoggiata su una delle coperte fornite dalla Caritas in una stanzetta del capannone dov’è stata portata, esile ma con un pancino pieno, la giovane donna ha raccontato di voler raggiungere presto il marito in Germania.

Poche parole in un inglese accennato, ma Wagatha ha alle spalle un viaggio durato settimane. Partita dall’Eritrea insieme ai suoi compagni è infatti passata dal Sudan e dalla Libia, prima di poter prendere il barcone (dopo aver pagato mille e seicento euro) che, tra tempeste e intemperie l’ha condotta in Italia.

“Faceva freddo e stavamo stretti”, ha raccontato, aiutata nell’esprimersi dalla sorella e da una giovane coppia che portava con se una bimba di otto mesi, Sara, vestita con una tutina che certamente non poteva andare bene per la notte.

Tante altre donne tenevano per mano i loro figli di 4, 5 o 6 anni. Nessun evidente timore da parte loro. Tutt’altro. Cercavano di capire cosa chiedessero medici e volontari attenti alle varie esigenze.

Ma gli occhi parlavano da soli. E raccontavano stanchezza, speranza, confusione e forse inconsapevolezza.

Non sapevano neanche che sarebbero arrivati in Calabria, tantomeno la prassi da seguire o intuizioni sul da farsi.

Uno di loro ha raccontato dei brutti momenti passati in balia delle onde mentre stringeva a sè la figlioletta. Proprio come aveva fatto su quella barca. Ma un attimo dopo chiedeva già indicazioni sulle distanze per arrivare a Roma o a Bari.

Come se volesse organizzarsi un minimo su come muoversi. Credeva di essere in Sicilia senza neanche sapere che fosse un’isola.

Sono persone che partono sperando di trovare qualcosa di meglio rispetto a quello che si lasciano alle spalle. Ma è solo una speranza. Un tentativo.

Stanotte rimarranno al capannone, dormiranno sulle brandine fornite dai volontari e perlomeno staranno sulla terraferma. Ma chissà quanti di loro davvero riusciranno a dormire. E chissà se Wagatha accarezzandosi la pancia, si domanderà se ha fatto la cosa giusta, per lei e per quel bimbo che ancora prima di venire al mondo si trova già davanti una salita ripida e senza agganci.

Eva Saltalamacchia

Ultimi Articoli

Palmi, la storia di Santa Rita da Cascia diventa una rappresentazione teatrale

Domani 28 maggio e mercoledì nell'Auditorium della parrocchia Santa Famiglia andrà in scena l'opera sulla storia della santa dei casi impossibili

Giovedì torna a Reggio il ministro Salvini per un focus sul ponte sullo Stretto

Gelardi (Lega): «L'opera può rappresentare il primo e più importante passo verso il progetto di abbattimento del divario tra nord e sud del Paese»

Gli alunni della scuola “Casella” di Rizziconi fanno il pieno di successi in tre manifestazioni musicali

10 studenti, frequentanti i corsi di flauto traverso e chitarra, si aggiudicano un terzo premio, un primo premio e un assoluto in tre concorsi nazionali

Inaugurato un Punto prelievi dell’ASP di Reggio Calabria. La soddisfazione del consigliere Giannetta

«Tassello dopo tassello, stiamo ricostruendo la sanità»

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Libertà e regole tra musica e diritto secondo Sabino Cassese

Il professore è intervenuto da remoto al Festival Nazionale che si è svolto a Palmi

Come regolare lo smartphone per salvaguardare gli occhi

Lo smartphone è il dispositivo elettronico più utilizzato in assoluto, il quale è posseduto...