HomeCronacaGioia Tauro, nave portacontainer urta il molo durante una manovra

Gioia Tauro, nave portacontainer urta il molo durante una manovra

Pubblicato il

Incidente senza gravi conseguenze per le persone al Porto di Gioia Tauro.

La motonave portacontainer Msc Eliane, di 340 metri di lunghezza per 100 mila tonnellate di cabotaggio, nella notte, in uscita dal porto, malgrado la mancanza di vento e il mare calmo, ha urtato, il molo di uscita dello scalo.

A seguito dell’urto la nave si è incagliata.

Al momento sono in corso le attività di intervento, coordinate dalla Capitaneria di porto, da parte dei rimorchiatori che stanno operando per disincagliare la nave portacontainer e per consentirle, dopo avere verificato gli eventuali danni, la possibilità di riprendere il mare.

Le operazioni di ingresso o di uscita delle navi portacontainer dallo scalo calabrese sono state momentaneamente bloccate allo scopo di consentire le operazioni di soccorso da parte di quattro rimorchiatori. 

Ultimi Articoli

Taurianova, bar frequentato da pregiudicati: licenza sospesa per 15 giorni

È il quinto nella sola Piana di Gioia Tauro

Palmi, c’è l’ok della Giunta al consuntivo 2023

L’assessore Celi: «Abbiamo ridotto il disavanzo di amministrazione, obiettivo che garantisce la sostenibilità delle finanze comunali»

La Cooperativa Futura di Maropati al centro di un progetto europeo sul benessere dei giovani post-pandemia

Dal 17 al 20 aprile sarà sede di un meeting internazionale. Protagonisti anche gli studenti del "Rechichi" di Polistena

I giovani di Cinquefrondi in udienza dal Papa

Venerdì 19 Aprile i giovani della Parrocchia San Michele Arcangelo di Cinquefrondi incontreranno Papa...

Taurianova, bar frequentato da pregiudicati: licenza sospesa per 15 giorni

È il quinto nella sola Piana di Gioia Tauro

Operazione “Game over”: smantellata una rete di spacciatori nella Piana

L’operazione è dei carabinieri della compagnia di Taurianova

Operazione Game Over, il sindaco di Taurianova ringrazia i Carabinieri

Biasi: «La nostra Compagnia dell’Arma si conferma un baluardo determinata e radicata»