HomeCronacaGioia Tauro, in manette un uomo. Aveva in casa una pistola

Gioia Tauro, in manette un uomo. Aveva in casa una pistola

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Un uomo di 59 anni, Alfonsino Barillà, già noto alle forze dinpolizia, è finito in manette dopo essere stato trovato in possesso di un’arma da fuoco non denunciata e munizioni.

L’arma, una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola punzonata  e caricatore, era nascosta in un casolare del quartiere Fiume di Gioia Tauro, insieme alle munizioni, ed aveva la matricola abrasa.

Sono stati i carabinieri della Stazione di Gioia Tauro, supportati dai militari del Goc di Vibo Valentia, a ritrovare l’arma che, da quanto appreso dalla nota stampa diramata, era oleata e perfettamente funzionante. Da qui, quindi, l’arresto di Barillà.

Gli uomini del capitano Cinnirella erano infatti impegnati in un servizio di presidio della Piana, mirato proprio al ritrovamento di armi e materiali esplosivi.

Barillà è stato arrestato in flagranza di reato, accusato di ricettazione e detenzione di arma da fuoco e munizionamento.

Ultimi Articoli

Comizi a Gioia Tauro: Mariarosaria Russo apre “in bellezza”

Il percorso verso le elezioni amministrative 2024 della Città di Gioia Tauro è ormai...

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali

Taurianova, la biblioteca Renda riapre le porte

Riapre le porte, dopo sette anni di chiusura, la biblioteca comunale Antonio Renda -...

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Non erano intervenuti in un incidente mortale: sospesi due vigili urbani a Taurianova

I due sarebbero effettivamente passati sul luogo dell'incidente senza attivare la macchina dei soccorsi