HomeCronacaGioia: sequestrati quattro quintali di pesce non tracciabile

Gioia: sequestrati quattro quintali di pesce non tracciabile

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Quattro quintali di pesce sono stati sequestrati questa mattina a Gioia Tauro durante un operazione effettuata dalla Guardia Costiera e dagli agenti del commissariato di Polizia.

I pesci sequestrati all’interno di un negozio che effettua vendita all’ingrosso erano privi della documentazione di tracciabilità necessaria per tutti i prodotti alimentari.

Gli uomini del capitano Barbagiovanni Minciullo e del primo dirigente Auriemma, hanno contestato a tre persone (il venditore all’ingrosso e due acquirenti) illeciti amministrativi per un valore di 13 mila e 500 euro.

La maggior parte del pesce sequestrato (alici, merluzzi, totani, tonno e gamberetti) non ha superato l’ispezione dei veterinari dell’Asp ed è stata dichiarata non commestibile perché conservata in condizioni igieniche non adeguate. I pesci che hanno superato l’ispezioni sono stati invece donati a una associazione Onlus di volontariato.

“La sinergia avviata tra i 2 Comandi gioiesi, Polizia e Capitaneria, – si legge in una nota diffusa dalla Capitaneria di Porto – é finalizzata alla prioritaria tutela della salute del consumatore finale, al quale non devono giungere alimenti avariati, nonché a garanzia dell’ecosistema marino e degli stock ittici e della filiera della pesca, dal pescatore all’esercizio commerciale di vendita del pescato che opera nel pieno rispetto della vigente normativa. L’attività di controllo – si legge ancora – che è stata svolta è l’occasione adatta per sconsigliare l’acquisto di prodotti ittici da commercianti improvvisati, che non attuano le più elementari regole per la conservazione ottimale del pescato, per i seri danni alla salute che possono derivare dal consumo di prodotti avariati”.

Ultimi Articoli

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Cittanova, al Gentile in scena “Ditegli sempre di sì” di Eduardo De Filippo

In scena martedì 31 gennaio per la XIX Stagione Teatrale

Facoltà di Medicina a Reggio Calabria, riunito il tavolo istituzionale per l’avvio del percorso

Presenti i rappresentanti della Città Metropolitana, del Comune, della Camera di Commercio, dell'Ordine dei Medici e dell'Università Mediterranea.

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova

Massiva attività di estorsione e assenza di denunce: così la ‘ndrangheta si è presa il territorio

Le parole del procuratore capo di Catanzaro Gratteri, e del Prefetto Messina descrivono una realtà drammatica che inquina fortemente l'economia

Nei guai l’ex dirigente della Regione Pasquale Anastasi. L’accusa è di traffico illecito di influenze

Ai domiciliari anche un altro dirigente della Regione, Rodolfo Bova