HomeSocietàGioia : L’Adic festeggia i 150 anni dell’unità d’Italia con Lucio Villari

Gioia : L’Adic festeggia i 150 anni dell’unità d’Italia con Lucio Villari

Pubblicato il

GIOIA TAURO –  “Riflessione storica sul risorgimento” è stato il tema dell’incontro svoltosi nel primo pomeriggio di sabato a Palazzo Baldari, in occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

L’incontro, organizzato dall’associazione Adic con il patrocinio del comune di Gioia Tauro, ha avuto come ospite d’onore il prof. Lucio Villari il quale ha intrattenuto i presenti con un interessante intervento sul risorgimento italiano.

L’orchestra dell’ associazione “Musica Insieme”, ha dato inizio al convegno eseguendo alcuni pezzi famosi tra cui l’inno di Mameli.

Sono giunti ai presenti in sala i saluti del Sindaco della città Renato Bellofiore e della presidente dell’associazione Adic Luigia Morgante che, dopo i ringraziamenti ai presenti e al professore ha ricordato come “ avere con noi oggi Lucio Villari ci onora particolarmente, oltre a renderci molto felici”.

Il moderatore dell’incontro, Lucio Rodinò, prima di passare la parola a Villari, ha voluto ricordare la penultima pubblicazione del professore, “Bella e perduta” definendolo come un libro in grado di “unire la precisazione storica ad un racconto scorrevole”.

«Il risorgimento è stato un procedimento molto complesso – ha detto Villari durante il suo intervento-  perché ha avuto come significato quello di un popolo che risorge, che si ribella. E’ stata una rivoluzione culturale- ha aggiunto – perché 150 anni fa è accaduto qualcosa di grande».

Durante il suo intervento Villari ha intrattenuto la platea presente descrivendo i fatti storici dalle ribellioni del Regno delle due Sicilie alle Cinque giornate di Milano, sottolineando la consapevolezza e l’orgoglio di chi ha vissuto in prima persona tali avvenimenti.

«Grazie a questi festeggiamenti in occasione dei 150 anni – ha detto Villari – il risorgimento ci ha fatto un regalo che è quello di  ritornare ai nostri giorni. Perché il risorgimento – ha concluso il professore- rappresenta ciò che oggi siamo diventati. Il risorgimento è il nostro dna».

Al termine dell’intervento Luigia Morgante ha consegnato a Villari una targa che richiamava il nostro tricolore  per ringraziarlo della sua presenza e della coinvolgente lezione di storia che ha saputo regalare ai presenti.

Angela Angilletta

Ultimi Articoli

Felici & Conflenti, dal 23 luglio la festa di comunità più grande della Calabria dedicata al patrimonio coreutico e musicale

Prime tre giornate tra natura, incontri e formazione. Ospiti di rilievo Mimmo Lucano, Vito Teti, Giuseppe Smorto e Massimiliano Capalbo

I Negramaro chiudono la tappa palmese dell’RDS Summer Festival 2024

Sul palco anche Irama. Piazza I Maggio piena per l'evento musicale

Incendio di Palmi, Arpacal installa un’altra centralina a Taurianova

Il sindaco Biasi ringrazia per la prontezza: «Siamo con i cittadini che chiedono trasparenza per trattare l’allarme senza generare inutili allarmismi»

Oppido, aumento della Tari. L’opposizione insorge in aula: «Inaccettabile la scelta dell’amministrazione»

Il consigliere Margherita Mazzeo critica anche la scelta di nomina di un assessore tecnico esterno

Dalla Calabria alla Francia per una grande “festa italiana”

Una grande “festa italiana” ha ospitato gli stand di vere e proprie eccellenze del settore enogastronomico italiano, con la Calabria tra i protagonisti

Al via a Cosenza “Invasioni festival”. Oggi l’inaugurazione con una mostra fotografica

Tra gli ospiti, Shari, Bigmama, Rosa Chemical e Carmen Consoli

Taurianova riscopre le tradizioni culinarie dell’antica Grecia

Un banchetto greco per rinverdire il legame identitario con la Magna Grecia innestato nell’ambito...