HomePoliticaGioia: il primo maggio in piazza in difesa del lavoro

Gioia: il primo maggio in piazza in difesa del lavoro

Pubblicato il

GIOIA TAURO – “Il 1 primo Maggio organizzeremo a Gioia Tauro insieme a tutte le forze sindacali una grande manifestazione in difesa del diritto al lavoro, ora vilipeso e umiliato da un sistema di potere che ha smarrito il senso del limite e della misura”. Con queste parole ieri il sindaco di Gioia Tauro Giuseppe Pedà ha annunciato la manifestazione che si svolgerà a Gioia Tauro in occasione della festa del lavoro.

Una manifestazione, pensata settimane fa insieme alla Cgil, come momento di festa e riflessione per il primo maggio e traformatasi, dopo la notizia del disinteresse verso l’area di Gioia Tauro della Lcv (avrebbe dovuto creare una fabbrica di automobili), negli “stati generali della città e della Piana”

“La dignità di una Regione – ha affermato Pedà – non è tema che riguarda la destra o la sinistra; tutte le forze politiche dovrebbero sentire come impellente il bisogno di difendere in primo luogo la nostra civiltà, patria del diritto trasformatasi in regno del sopruso. Noi diciamo basta! E chiediamo al popolo di sentirsi per una volta sovrano e non suddito, manifestando in massa. Al potere dei soldi bisogna contrapporre quello della partecipazione e della democrazia.

Il primo cittadino invita tutti alla partecipazione: “sindacalisti e politici, pur nella diversità dei ruoli, rappresentano uomini in carne ed ossa. Chi non partecipa ha sempre torto. Tutti insieme, – conclude Pedà – il primo maggio, senza insegne di parte, per scrivere un pezzo di Storia”.

E anche il segretario della Cgil della Piana invita la popolazione alla reazione democratica.
“La vicenda scandalosa della LCV – ha dichiarato Nino Costantino – il disimpegno ad investire su Gioia, l’incapacità del Governo ad incidere su piani industriali finanziati dal sistema pubblico, la crisi del Porto, il mancato sviluppo industriale, impongono una reazione democratica e popolare all’altezza della situazione. Per questo è necessario che il Primo Maggio, che festeggeremo assieme all’amministrazione comunale di Gioia Tauro dalle ore 18 in Piazza dell’Incontro, si trasformi anche nella convocazione degli Stati generali della città e della Piana per lanciare una sfida alta al Governo nazionale ed al Presidente del Consiglio Renzi”.

Ultimi Articoli

Riscossione tributi a Taurianova, il Consiglio approva la svolta: servizio sperimentale per un anno a nuovo agente

l sindaco Biasi: «Equità, trasparenza, collaborazione dei cittadini per migliorare le attività»

S.Cristina: 12 ragazzi lanciano una raccolta fondi online per organizzare le manifestazioni estive

Il gruppo di giovani già lo scorso anno ha promosso eventi durante le serate di luglio e agosto

San Giorgio Morgeto, i Carabinieri forestali salvano cinque cuccioli di cane

I piccoli sono stati subito presi in cura dai militari ed affidati alle cure del canile di Oppido Mamertina

Quarta stagione consecutiva in casa OmiFer Franco Tigano Palmi per capitan Gitto

Dopo la conferma del timoniere Andrea Radici, umbro di Città di Castello, la OmiFer...

Riscossione tributi a Taurianova, il Consiglio approva la svolta: servizio sperimentale per un anno a nuovo agente

l sindaco Biasi: «Equità, trasparenza, collaborazione dei cittadini per migliorare le attività»

Comunali a Gioia Tauro: Schiavone presenta il suo programma alla città

Rosario Schiavone, candidato alla carica di sindaco e già vicesindaco dal 2006 al 2008...

Elezioni a Gioia Tauro, le promesse di Simona Scarcella

È stato un weekend importante per le imminenti elezioni amministrative del Comune di Gioia Tauro,...