Festeggiati i primi venti anni del consultorio diocesano

0
463

convegno consultorioGIOIA TAURO- “Il consultorio familiare diocesano. Segno profetico di una chiesa che ama.” E’ stato questo il tema del convegno svoltosi dell’auditorium del palazzo del laicato, nel tardo pomeriggio dello scorso sabato.

Il convegno, organizzato in occasione dei 20 anni della nascita del consultorio, ha voluto non a caso festeggiare questo importante anniversario proprio l’otto marzo, in occasione della giornata della donna.

«La donna vive il dolore, le sofferenze, i disagi della famiglia – ha detto Franco Greco, direttore del consultorio – decidere di festeggiare oggi ci permette di dire che tante famiglie sono riuscite a salvarsi proprio grazie alla donna, perché nella famiglia la donna è una risorsa.»

A moderare il dibattito il giornalista Enzo Romeo, che ricordando il tweet di papa Francesco di sabato dedicato alla famiglia, ha sottolineato come è importante che il consultorio stia al fianco della famiglia, in tutti i volti che oggi  essa assume, facendo si che la chiesa abbia carattere di missionarietà universale.

La storia del consultorio, dal 1994 a oggi è stata raccontata ai presenti in sala, con le parole, i ricordi e le esperienze di Mariangela Rechici, medico delle struttura.

Partendo dalle attività svolte al fianco delle famiglie e nelle scuole,  Rechichi ha ricordato come oggi sia necessario continuare il lavoro di consulenza e prevenzione riconoscendo tale attività come mezzo pastorale.

Degli attuali bisogni e necessità delle famiglie si è soffermata invece Elisa Saffioti, psicologa della struttura, mentre Raffaele Cananzi ha definito nel suo intervento il ruolo del consultorio nel territorio.

A concludere il convegno le parole e il saluto del vescovo della diocesi Francesco Milito.

Angela Angilletta