HomePoliticaElezioni amministrative a Gioia: Simona Scarcella si rivolge agli elettori del quartiere...

Elezioni amministrative a Gioia: Simona Scarcella si rivolge agli elettori del quartiere Marina

Pubblicato il

Il pubblico dei grandi eventi per il comizio di sabato scorso di Simona Scarcella che a una settimana dal voto mostra tutta la sua forza, quella che a tratti ricorda – con i presenti sotto il palco ad urlare “Simona, Simona” – le elezioni con le quali Giuseppe Pedà fu eletto sindaco. Sarà per il fatto che tra i candidati e i sostenitori molti dei visi sono gli stessi.

Ad ogni modo, è un comizio di passione quello di Simona Scarcella che ancora una volta tiene a ribadire che quello della Marina è il quartiere dove è nata e cresciuta. Dopo la frecciatina sulla poesia alla candidata Russo, si rivolge ai cittadini esprimendo il desiderio di un comune che faccia gli interessi della collettività e ribadendo che loro ci sono stati prima, ci sono e ci saranno.

Alle promesse già fatte, come quella di essere un sindaco sempre presente e a disposizione di tutti, ne ha aggiunte altre:in primis l’importanza di promuovere la sdemanializzazione dell’area del quartiere Marina, puntualizzando il legame suo e familiare con quella zona.

Nel mezzo del comizio è stato dato spazio all’intervento di Salvatore Ranieri, detto Giulio, candidato a consigliere nella lista di Forza Italia, probabilmente uno che a Gioia Tauro e specialmente nel quartiere Marina, il suo quartiere, non ha bisogno di presentazione e la cui voglia di fare è nota a tutti.

Il candidato ha annunciato che la coalizione a sostegno di Scarcella ha già convocato tecnici specializzati per elaborare progetti concreti volti a risanare la situazione finanziaria del Comune e, contemporaneamente, a ridurre le tasse; ma affrontando il tema dei debiti comunali e dei dissesti finanziari, lo fa con esempi sbagliati, dando numeri senza fonte, parlando di un 60% della popolazione di Gioia Tauro che vive con il reddito di cittadinanza e fatica a pagare le tasse. Il dato oggettivo statistico invece dice che su circa 5.000 nuclei familiari di Gioia Tauro, i percettori del reddito di cittadinanza sono poco circa 1.000, quindi nella peggiore delle ipotesi sarebbe il 20% dei nuclei familiari.

Ad ogni modo, prima di chiudere ha assicurato che Simona Scarcella ha trovato una soluzione per permettere a tutti di contribuire equamente, dicendo che non può dire di più. Praticamente la promessa del problema ma non la soluzione.

Riprendendo la parola, Simona Scarcella ha tenuto ad evidenziare la necessità di una rappresentanza politica forte, supportata da un governo regionale e nazionale capaci di pianificare e partecipare ai tavoli decisionali che contano. Come darle torto… se non fosse che eccezion fatta per Gioia Tauro, nel resto d’Italia la città e la Calabria sembrano scomparse dall’agenda politica.

Nel crescendo finale, ha assicurato stabilità e continuità, dichiarando che il suo team non è improvvisato ma preparato a governare per i prossimi dieci anni.

Con questi propositi, Simona Scarcella si presenta agli elettori con un programma volto a rilanciare Gioia Tauro, promuoverne le bellezze per attirare investitori e supportare gli esercizi commerciali locali, puntando a un’amministrazione trasparente e vicina ai cittadini.

Ultimi Articoli

A Palmi il ricordo di Satnam Singh

La triste storia del bracciante morto a Latina per colpa del comportamento disumano del datore di lavoro ha suscitato indignazione e rabbia

«Signora, sua figlia ha causato un incidente, paghi 3mila euro». Anziana derubata a Rizziconi da un finto carabiniere

Deferita anche una donna campana; la vittima incastrata anche da un falso avvocato

Pallacanestro Palmi vince il Torneo Primavera Under 15M Fip

Un finale di stagione ricco di soddisfazioni per la Pallacanestro Palmi ASD, che dopo tanti anni torna alla vittoria in un torneo giovanile Fip.

Antonio Orso nella storia di Gioia Tauro

Il ricordo di Amalia Frascà, socia Adic

Palmi, debito rifiuti Arrical: il movimento Faro incontra i vertici dell’Autorità di gestione

La somma debitoria di 754mila euro non sarebbe stata ancora contestata dal Comune e e i ruoli sarebbero stati già trasmessi all'ente di riscossione

L’Autonomia differenziata è legge. Conia: “L’Italia il Paese delle disuguaglianze”

«L’Italia una e indivisibile nata dalla Resistenza si avvia a diventare il Paese delle...

Crisi idrica, Ranuccio: «Presto ordinanza con sanzioni per abusivi e trasgressori»

Palmi, il sindaco determinato a combattere ogni forma di irregolarità per arginare il problema della mancanza di acqua in città