HomeAltre NotizieCoronavirus, posti esauriti al GOM. L'appello del sindaco Alessio: «Combattiamo il virus...

Coronavirus, posti esauriti al GOM. L’appello del sindaco Alessio: «Combattiamo il virus con il vaccino»

Pubblicato il

«Ho appena ricevuto la telefonata da parte del Commissario dell’ASP di Reggio Calabria, dott. Gianluigi Scaffidi, con la quale mi ha informato che il GOM di Reggio Calabria sta già mandando i primi pazienti covid stabilizzati a Catanzaro, ha già dato disponibilità l’ospedale di Tropea come centro covid e da domani, si riaprirà l’ospedale covid a Gioia Tauro per venire incontro alle esigenze del GOM e impedire che i pazienti covid debbano recarsi fuori Regione per la convalescenza».
 
È quanto scrive in una nota stampa il primo cittadino di Gioia Tauro, Aldo Alessio.
 
«Il covid non è stato ancora sconfitto e non bisogna abbassare il livello di guardia, ad oggi risultano positivi 200 cittadini gioiesi. Attualmente – prosegue il sindaco –  la situazione a Gioia Tauro è la seguente: il totale dei vaccinati tra prima e seconda dose è di 8.000 gioiesi, su una popolazione soggetta a vaccino di 15.501, quindi al momento solo il 51,6% della popolazione gioiese risulta vaccinata».
 
«È necessario aumentare questa percentuale nel più breve tempo possibile, pertanto invito tutti i cittadini non vaccinati a programmare – attraverso la piattaforma informatica – l’appuntamento per il proprio vaccino, è questo il solo modo per combattere il covid», conclude Alessio.

Ultimi Articoli

La Parrocchia ponte tra generazioni nella 45ª Giornata nazionale per la vita

Per celebrare la 45ª Giornata nazionale per la vita la Parrocchia Santa Marina Vergine...

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori

‘Ndrangheta, chiuse le indagini sulla prima “locale” romana: 67 a rischio processo

A capo del gruppo criminale ci sarebbero Antonio Carzo e Vincenzo Alvaro, appartenenti a storiche famiglie di 'ndrangheta di Cosoleto

Maxi sequestro da 45 mln di euro, i fratelli Berna negano ogni coinvolgimento

È quanto afferma in una nota l'avvocato Emilia Eva Giurato, difensore dei due imprenditori