HomeCronacaCondannati in primo grado per spaccio di droga, la Corte d'Appello assolve...

Condannati in primo grado per spaccio di droga, la Corte d’Appello assolve due rosarnesi

Pubblicato il

La Corte di Appello di Reggio Calabria, a conclusione dello stralcio del procedimento penale  “Mauser”,  ha assolto Vincenzo Di Marte e Salvatore Calabrese di Rosarno, con la formula “perché il fatto non sussiste”. 

I due sono difesi dall’avocato Mario Santambrogio.

Di Marte e Calabrese erano stati condannati dal Giudice dell’Udienza preliminare di Palmi alla pena di anni 7 di reclusione per aver immesso nel mercato una consistente partita di cocaina.

L’attività investigativa era stata condotta dal nucleo carabinieri di Reggio Calabria che avevano installato una video camera all’interno di dell’azienda agricola “La Rosarnese” gestita dalla famiglia di Domenico Cacciola (scomparso nel mese di agosto 2013), che la Polizia giudiziaria riteneva essere una delle basi logistiche utilizzate dai Cacciola per il traffico di sostanze stupefacenti.

L’attività investigativa aveva consentito di verificare che i due imputati, dopo aver aperto con un telecomando il cancello d’ingresso, entravano a bordo dei rispettivi mezzi all’interno dell’azienda, recuperavano una busta di plastica trasparente occultata tra due camion parcheggiati nel pizzale per poi chiudersi all’interno di un casolare dal quale uscivano dopo circa 20 minuti con numerose bustine trasparenti contenenti sostanza di colore bianco. 

A conclusione del giudizio di primo grado, il Gup di Palmi ritenendo che le condotte monitorate fossero tipicamente riconducibili ad un’attività di suddivisione in dosi di una maggiore quantità di stupefacente da immettere sul mercato al dettaglio, li ha condannati – previa riduzione di un terzo della pena per la scelta del rito abbreviato – alla pena di anni 7 di reclusione.

Contro la sentenza di condanna, l’avvocato Santambrogio ha proposto Appello lamentando l’inidoneità dai dati raccolti dagli inquirenti a dare conto, oltre il ragionevole dubbio, che gli imputati avessero maneggiato sostanza stupefacente, considerato che i fotogrammi estrapolati dalla video-ripresa, per la loro scarsa qualità, non permettevano di verificare la natura della merce contenuta all’interno della busta di plastica di colore trasparente. 

La Corte di Appello, in accoglimento della tesi difensiva e con il parere contrario del procuratore generale che aveva chiesto la conferma della sentenza di condanna, ha assolto gli imputati con la formula “perché il fatto non sussiste”. 

Ultimi Articoli

Felici & Conflenti, dal 23 luglio la festa di comunità più grande della Calabria dedicata al patrimonio coreutico e musicale

Prime tre giornate tra natura, incontri e formazione. Ospiti di rilievo Mimmo Lucano, Vito Teti, Giuseppe Smorto e Massimiliano Capalbo

I Negramaro chiudono la tappa palmese dell’RDS Summer Festival 2024

Sul palco anche Irama. Piazza I Maggio piena per l'evento musicale

Incendio di Palmi, Arpacal installa un’altra centralina a Taurianova

Il sindaco Biasi ringrazia per la prontezza: «Siamo con i cittadini che chiedono trasparenza per trattare l’allarme senza generare inutili allarmismi»

Oppido, aumento della Tari. L’opposizione insorge in aula: «Inaccettabile la scelta dell’amministrazione»

Il consigliere Margherita Mazzeo critica anche la scelta di nomina di un assessore tecnico esterno

Controlli della Polizia nella Piana, 11 denunce e sanzioni per 15mila euro

Particolare attenzione è stata prestata ai veicoli in transito nelle zone della movida

Avrebbero usufruito del bonus facciate senza aver realizzato i lavori: due persone ai domiciliari e 1,6 milioni di euro di beni sequestrati

L'operazione della Guardia di Finanza è stata coordinata dalla Procura di Palmi