HomeAltre NotizieCittanova: affidata la gestione del Polo solidale per la legalità

Cittanova: affidata la gestione del Polo solidale per la legalità

Pubblicato il

CITTANOVA – E’ stato siglato, nel tardo pomeriggio di martedì 9 ottobre 2012, il contratto per l’affidamento in gestione del Polo solidale per la legalità di Cittanova.

Il contratto è il risultato concreto della sinergia tra il Comune di Cittanova e l’Associazione Temporanea di Scopo “Polo Sud”.

Una Ats che mette insieme la storica associazione antiracket cittanovase “Acipac” e il “Faro Onlus”.

L’atto ufficiale prevede la concessione in comodato d’uso gratuito dell’immobile ex mattatoio comunale alla “Polo Sud”, per una durata di cinque anni prorogabili per altri cinque.

Le attività svolte avranno come obiettivo primario l’educazione dei più giovani ao valori di comunità e legalità, e riguarderanno programmi definiti con una rete di soggetti impegnati nel sociale attraverso la sottoscrizione di specifici protocolli di intesa.

Un partenariato d’ampio respiro, comprendente Scuole, Associazioni del territorio, Servizi Sociali del Comune, le Asl, le Comunità Ministeriali per minori, supportato dalla Fai (Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane), della Prefettura, delle Forze dell’Ordine, delle Università, del Centro per l’Impiego e dei Punti Informagiovani. Le attività promosse, coordinate e implementate dalla “Polo Sud” si dipaneranno tra le due macro aree interne al Polo. Il Centro di Aggregazione e l’Informal Point.

Il Polo solidale per la legalità è stato inaugurato a marzo 2012. Nasce dalla riconversione dell’ex mattatoio comunale, ormai in disuso e lasciato al degrado, e il suo completamento è stato effettuato in tempi strettissimi.

L’importante risultato è stato reso possibile dai fondi del Programma Operativo FESR – Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo convergenza 2007/20013 – Obiettivo Operativo 2.8, per l’importo di 1.437.500,00 euro.

Soddisfazione è stata espressa a riguardo dal sindaco di Cittanova, Alessandro Cannatà.  «La conclusione positiva dell’iter burocratico per l’affidamento in gestione del Polo solidale per la legalità – ha affermato – è l’ennesimo passo in avanti per questa Amministrazione comunale, ma soprattutto per la comunità di Cittanova. Siamo consapevoli – ha aggiunto – del valore concreto e allo stesso tempo simbolico che progetto riveste, e che l’associazione “Polo Sud” sta mettendo in campo. E l’interesse dell’Amministrazione, della cittadina, e dell’intera Piana di Gioia Tauro, è che questa esperienza diventi, sempre di più, un fatto straordinario per il territorio. Agli occhi della Calabria e dell’Italia. Oggi – ha concluso – posiamo l’ennesimo mattone per la costruzione di un edificio comune che si chiama progresso civile».

Ultimi Articoli

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione: 17 persone arrestate

Reggio, l’operazione “Gallicò” è stats eseguita da carabinieri e polizia

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

La vita tra verità e apparenza: a Palmi il pienone per “Così è se vi pare” con Milena Vukotic

Diverte e intriga il pubblico l'opera pirandelliana con la regia di Geppy Gleijeses, fiore all'occhiello della rassegna Synergia 48 promossa dall'associazione Amici della Musica

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

Da Palmi l’appello al cessate il fuoco sulla striscia di Gaza

Durante l’incontro moderato da Enzo Infantino, il sindaco Ranuccio ha voluto sottolineare la vicinanza al dramma che il popolo palestinese

Al via a San Ferdinando il progetto “Comunità educante”

L'iniziativa coinvolge la comunità locale e tutte le agenzie educative del territorio