HomeLavoroBattistello: "auspicabile che le prestazioni di Gioia Tauro migliorino"

Battistello: “auspicabile che le prestazioni di Gioia Tauro migliorino”

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Dopo i cambi al vertice di Mct formalizzati nei giorni scorsi, questa mattina è arrivata a Gioia tauro la presidente del gruppo Contship Cecilia Battistello. La “lady” del trasporto marittimo internazionale avrebbe iniziato a riorganizzare l’azienda assegnando a Nino Spezzano la direzione operativa e tecnica di Mct e ad Antonio Orfano’ la direzione dei settori amministrazione, finanza ed Edp. Nessuna indiscrezione è invece trapelata sul nome del nuovo amministratore delegato che andrà a sostituire Domenico Bagalà.

Proprio questa mattina Milano Finanza ha pubblicato una intervista, in cui Cecilia Battistello parla del porto di Gioia Tauro senza però soffermarsi o spiegare le ragioni che hanno portato alla sostituzione di Bagalà.

“A Gioia Tauro – ha detto Cecilia Battistello – la situazione è cambiata molto negli ultimi anni. Il territorio non è facile e le regole italiane sono complicate. Il MedcenterTerminal è un progetto iniziato nel 1995 ma negli anni successivi sono emersi altri scali concorrenti come Taranto, Cagliari, Algeciras, Valencia, Port Said, Damietta, Pireo. I cambiamenti sono stati immensi. Gioia Tauro è ben posizionata, ma se i volumi sono andati giù molto è dipeso dal rallentamento del Far East. La frenata di un paese come la Cina si sente”.

Battistello su Milano Finanza

La presidente di Contship (la società che controlla Mct) si è detta “positiva” su Gioia Tauro “perché le portacontainer sempre più grandi da 20 mila teu, dovranno scegliere di toccare i porti che garantiscono alta produttività al giusto prezzo”.

Battistello ha però aggiunto “Vedo il costo del lavoro aumentare in Italia ogni anno sempre più, mentre è auspicabile che le prestazioni di Gioia Tauro migliorino”. E sui possibili tagli di personale e investimenti a Gioia ha detto: “La razionalizzazione è inevitabile e già da anni ricorriamo alla cassa integrazione. Per il resto voglio vedere come andrà il 2016, anno di grandi cambiamenti tra alleanze e fusioni”.

La manager ha concluso l’intervista parlando dei nuovi progetti di Contship: “Cerchiamo sempre nuove opportunità. Guardiamo all’alto Adriatico e, insieme a Eurogate (che controlla Contship Italia), anche all’Africa Occidentale e all’Iran. Guardiamo anche alla Piattaforma Europa a Livorno. Tuttavia è un progetto enorme e due nuovi terminal, considerando anche Civitavecchia, così vicini fra loro sono troppi”.

Ultimi Articoli

Riscossione tributi a Taurianova, il Consiglio approva la svolta: servizio sperimentale per un anno a nuovo agente

l sindaco Biasi: «Equità, trasparenza, collaborazione dei cittadini per migliorare le attività»

S.Cristina: 12 ragazzi lanciano una raccolta fondi online per organizzare le manifestazioni estive

Il gruppo di giovani già lo scorso anno ha promosso eventi durante le serate di luglio e agosto

San Giorgio Morgeto, i Carabinieri forestali salvano cinque cuccioli di cane

I piccoli sono stati subito presi in cura dai militari ed affidati alle cure del canile di Oppido Mamertina

Quarta stagione consecutiva in casa OmiFer Franco Tigano Palmi per capitan Gitto

Dopo la conferma del timoniere Andrea Radici, umbro di Città di Castello, la OmiFer...

Agostinelli a Roma promuove il porto di Gioia Tauro: «È l’alfiere della portualità italiana»

l presidente dell’Autorità di sistema portuale dei mari Tirreno meridionale e Ionio ha partecipato al convegno intitolato “Mediterraneo e nuove sfide – Storia, cultura e sviluppo”

Autorizzato l’adeguamento tecnico funzionale al Piano regolatore al Porto di Gioia

Offrirà una maggiore e uniforme profondità dei fondali lungo l’intero canale

Let Expo, Agostinelli: «Le risposte alle crisi sono gli investimenti che sostengono lo scalo di Gioia Tauro»

Il presidente dell'Autorità di Sistema portuale ha preso parte all’evento fieristico dedicato alla mobilità ecosostenibile, in corso a Verona