HomeCulturaA San Ferdinando nasce il museo diffuso MAD: un legame vivo con...

A San Ferdinando nasce il museo diffuso MAD: un legame vivo con la memoria e la cultura della città

Pubblicato il

In occasione del Consiglio Comunale tenutosi a San Ferdinando mercoledì 17 aprile, l’assemblea ha approvato all’unanimità l’istituzione del MAD – Museo d’Arte Diffusa, un’istituzione innovativa e dinamica che promuove un forte legame con i luoghi della memoria cittadina che si propone di valorizzare e promuovere il patrimonio storico, artistico e culturale della città.

Il MAD – Museo Diffuso di San Ferdinando non si esaurisce nei suoi spazi espositivi ma si estende nei luoghi della città e invita il pubblico a proseguire la visita nel tessuto urbano, esplorando piazze, vie, quartieri che raccontano la storia e l’identità della comunità. Questo percorso unico fra opere d’arte e luoghi della memoria, intrecciati con i segni dell’arte di oggi, rappresenta un punto di partenza per una storia minore, capace di ricollegarsi con la Storia con la maiuscola, offrendo significativi richiami alle vicende storico-culturali di San Ferdinando e la sua apertura al contemporaneo.

Il Consiglio Comunale ha approvato anche il Regolamento che include il “Piano di Sviluppo e Gestione del Museo d’Arte Diffuso”, disciplinando la governance del Museo e includendo la mappatura dei siti e dei luoghi da inserire nel percorso museale, nonché le modalità di coinvolgimento della cittadinanza e degli operatori culturali. 

Il Comune si è impegnato ad accreditare il MAD nel Sistema Museale Nazionale e a sviluppare collaborazioni con enti pubblici e privati. Questo impegno si tradurrà in investimenti mirati per garantire la crescita e lo sviluppo del museo nel tempo. Verrà inoltre istituito un Comitato Scientifico e Culturale composto da esperti del settore, incaricato di supportare e consigliare il Comune nella gestione e nello sviluppo del Museo Diffuso. Questa equipe multidisciplinare contribuirà a garantire l’eccellenza e la qualità delle attività del museo.

Il MAD promuoverà iniziative di sensibilizzazione e divulgazione volte a coinvolgere attivamente la cittadinanza e i visitatori nel percorso museale. Eventi, mostre, laboratori e altre attività culturali saranno organizzati per stimolare la partecipazione e favorire il dialogo intorno alla cultura e alla storia della nostra città.

Tra le opere e i siti di interesse già catalogati figurano le installazioni di arte contemporanea come “The Other Face” di Nelson Carrilho, Filo Rosso di Paola Grossi Gondi e le formelle realizzate dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, oltre al murale dedicato al 50° dei Bronzi di Riace realizzato dai giovani artisti Iozzo e Neri. 

Spiccano tra le opere di interesse storico la statua bronzea dedicata a Vito Nunziante, realizzata da Francesco Jerace la cui opera “Azione” fa parte della collezione del Vittoriano di Roma, la Chiesa del perdono con il suo prezioso contenuto di tombe monumentali e altri elementi di pregio, l’affresco absidale “La Conversione di San Ferdinando” di Giuseppe Armocida e molti siti di interesse come il restaurando “Convento”, le Chiese cittadine, la Colonia Nunziante o la via Dogana, sede degli uffici di Finanza già nel XIX secolo.

«Il MAD – Museo d’Arte Diffusa di San Ferdinando è pronto a diventare un punto di riferimento per la cultura, la memoria e il futuro della città” dichiara l’assessore alla cultura Francesco Barbieri che, soddisfatto per l’accoglimento all’unanimità della sua proposta in Consiglio Comunale, ribadisce “che custodire e preservare la memoria e diffondere la conoscenza della storia locale è una questione di consapevolezza sociale, non meramente nostalgica. Aprirsi al presente con saldi riferimenti identitari significa rendere la comunità cosciente di se stessa e del suo ruolo nel contesto territoriale e siamo convinti che la funzione dell’arte sia fondamentale in un siffatto processo».

Ultimi Articoli

Palmi, la storia di Santa Rita da Cascia diventa una rappresentazione teatrale

Domani 28 maggio e mercoledì nell'Auditorium della parrocchia Santa Famiglia andrà in scena l'opera sulla storia della santa dei casi impossibili

Giovedì torna a Reggio il ministro Salvini per un focus sul ponte sullo Stretto

Gelardi (Lega): «L'opera può rappresentare il primo e più importante passo verso il progetto di abbattimento del divario tra nord e sud del Paese»

Gli alunni della scuola “Casella” di Rizziconi fanno il pieno di successi in tre manifestazioni musicali

10 studenti, frequentanti i corsi di flauto traverso e chitarra, si aggiudicano un terzo premio, un primo premio e un assoluto in tre concorsi nazionali

Inaugurato un Punto prelievi dell’ASP di Reggio Calabria. La soddisfazione del consigliere Giannetta

«Tassello dopo tassello, stiamo ricostruendo la sanità»

Sabato a Taurianova la presentazione del libro “Il riflesso degli Eroi” del Generale Rispoli e del Capitano Catizone

L'iniziativa rientra tra le manifestazioni proposte per l'evento Capitale del Libro 2024

Camera Minorile di Palmi si avvia alla conclusione il progetto di educazione alla legalità

Importante progetto dedicato alle devianze minorili, che ha coinvolto diversi soggetti istituzionali e imprenditori locali

Taurianova, la biblioteca Renda riapre le porte

Riapre le porte, dopo sette anni di chiusura, la biblioteca comunale Antonio Renda -...