Home Società A Palmi le Miniolimpiadi: protagonisti gli alunni dell’IC San Francesco

A Palmi le Miniolimpiadi: protagonisti gli alunni dell’IC San Francesco

Gli alunni della scuola dell'infanzia sono stati protagonisti di una manifestazione che rientra nella progettazione annuale dell'istituto, denominata "Ben essere a scuola"

0
282

Mercoledì 7 giugno, in Piazza I Maggio a Palmi, si sono tenute le Miniolimpiadi, organizzate dalla scuola dell’infanzia dell’Istituto Comprensivo San Francesco.

L’evento, salutato con favore dal sindaco Giuseppe Ranuccio e dall’intera amministrazione comunale, ha costituito il punto d’arrivo della progettazione annuale d’istituto denominata “Ben essere a scuola”, culminato con le Miniolimpiadi, con la presenza – per la gioia dei più piccoli – dell’orsetto Cerchietto.

Il progetto, ideato e realizzato dalle docenti, con la coordinatrice Ester Albanese, ha visto impegnati tutti i bambini uscenti, ossia i piccoli studenti che a partire dal prossimo mese di settembre frequenteranno la scuola Primaria.

Gli obiettivi specifici prefissati dall’Istituto, tutti connessi alle attività legate al movimento, sono stati raggiunti mediante percorsi che hanno consentito ai più piccoli di prendere coscienza del proprio corpo e delle proprie potenzialità motorie.

L’iniziativa, riassunta dal motto “Senza movimento non c’è apprendimento”, ha infatti dato ai bambini la possibilità di riscoprire il piacere del giocare, acquisendo – attraverso le attività organizzate – abilità motorie ulteriori.

Il dirigente scolastico dell’Istituto San Francesco, Ferdinando Rotolo, ha dichiarato: «oggi, la scuola dell’infanzia chiude l’anno scolastico con una bella manifestazione, che è riuscita a dispetto delle condizioni climatiche non clementi, grazie alla tenacia delle nostre valenti maestre. Inoltre, l’iniziativa è stata avvalorata dalla presenza dei genitori, graditissima perché ci ha consentito non solo di mostrare loro ciò che effettivamente si fa durante l’anno, ma anche perché in questa occasione avranno potuto orgogliosamente verificare quanto bene sappiano lavorare i loro bambini intorno ad un progetto condiviso».