Home Cronaca Vibo, aggredisce un vicino con un’accetta: arrestato un uomo per tentato omicidio

Vibo, aggredisce un vicino con un’accetta: arrestato un uomo per tentato omicidio

Gli agenti di Polizia hanno immobilizzato l'aggressore con un taser

0
185

Ha aggredito un vicino con un’accetta per futili motivi, provocandogli profonde ferite e continuando anche dopo l’arrivo della polizia, tanto che gli agenti sono stati costretti ad usare la pistola taser per bloccarlo e disarmarlo.

L’uomo, è stato quindi arrestato per tentato omicidio.

Il fatto è accaduto in una frazione di Vibo Valentia. Dopo la segnalazione al 113 di una violenta aggressione in corso, sul posto sono intervenute le volanti. I poliziotti hanno trovato un uomo riverso in terra e con evidenti perdite di sangue mentre subiva l’aggressione da parte di un altro armato di una accetta.

Nonostante i ripetuti ordini di allontanarsi e posare l’arma, l’uomo non ha desistito costringendo gli agenti ad usare il taser.

Dalle prime indagini è emerso che la lite era nata per problemi di vicinato, degenerando nella violenta aggressione con l’uso dell’accetta che, come risulta agli atti delle indagini, avrebbe “mirato a colpire la vittima in testa, con la finalità di uccidere”.

Per tali ragioni, sulla scorta delle indagini coordinate dalla Procura di Vibo Valentia diretta da Camillo Falvo, l’uomo è stato arrestato per tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale ed associato agli arresti domiciliari.

Poco dopo che l’indagato era stato sottoposto ai domiciliari, è giunta una nuova segnalazione al numero di emergenza 113 secondo cui l’uomo si sarebbe allontanato dall’abitazione. Sono così intervenute pattuglie della Squadra mobile e della Squadra volante.

I poliziotti hanno rintracciato l’uomo in un terreno a circa un chilometro dall’abitazione, arrestandolo per evasione.

Alla luce dei fatti l’uomo è stato portato nella Casa circondariale di Vibo Valentia in attesa dell’udienza di convalida, all’esito della quale è stato confermato il provvedimento di arresto e la sottoposizione alla misura cautelare della custodia in carcere