HomeCronacaTragedia a Oppido M., morto un uomo per mancanza di ambulanza: l'U.Di.Con....

Tragedia a Oppido M., morto un uomo per mancanza di ambulanza: l’U.Di.Con. Calabria chiede chiarezza

Pubblicato il

«Chiediamo che sia fatta chiarezza sulla vicenda del 59nne di Oppido Mamertina colpito da infarto e deceduto, purtroppo, perché non è stata trovata un’ambulanza disponibile presso il locale Ospedale cittadino». Nico Iamundo – Presidente dell’ U.Di.Con. Calabria -, interviene sul caso reso pubblico sulle pagine dei quotidiani regionali, sulla mancata adeguata assistenza a un cittadino colpito da malore.

«Siamo allibiti – scrive Nico Iamundo – ed amareggiati pensando alle innumerevoli nostre richieste tendenti a restituire ai calabresi una sanità efficiente e più vicina ai reali bisogni dei cittadini, più razionale nella spesa delle risorse e più attenta alla qualità delle cure e al decoro delle strutture. Ma non ci rassegniamo e continueremo a denunciare e intervenire, per quanto di nostra competenza, sui reparti di degenza che chiudono in decine di ospedali dell’intera regione, sulle interminabili liste d’attesa per esami diagnostici o ancora peggio a strutture inadeguate o totalmente assenti nei casi di emergenza».

Nico Iamundo commenta la tragica e triste notizia ricordando che «la Calabria è tristemente carente e insufficiente nei livelli essenziali di assistenza ed a farne le spese sono i cittadini, a cui è negato il diritto alla salute costituzionalmente riconosciuto. Il Presidente della Regione Calabria, i preposti alla sanità calabrese si attivino immediatamente anche per ripensare in maniera efficiente il sistema di primo soccorso, anche con presidi nelle zone interne e difficilmente raggiungibili, come Oppido Mamertina, a causa della nostra fatiscente rete viaria interna, perché quanto successo nei giorni scorsi non avvenga più».

«Questa è l’ennesima situazione del genere che si verifica nella nostra regione e diversi sono stati gli episodi denunciati dall’ U.Di.Con. per ritardi di ambulanze o in altri casi per assenza del medico a bordo – conclude Nico Iamundo. È questo il temuto effetto dei tagli selvaggi alla sanità, che spesso non ha guardato a particolari esigenze territoriali, dove i numeri delle ripartizioni di presidi, di medici e di ambulanze non possono trovare una logica esclusivamente matematica».

Ultimi Articoli

Taurianova, bar frequentato da pregiudicati: licenza sospesa per 15 giorni

È il quinto nella sola Piana di Gioia Tauro

Palmi, c’è l’ok della Giunta al consuntivo 2023

L’assessore Celi: «Abbiamo ridotto il disavanzo di amministrazione, obiettivo che garantisce la sostenibilità delle finanze comunali»

La Cooperativa Futura di Maropati al centro di un progetto europeo sul benessere dei giovani post-pandemia

Dal 17 al 20 aprile sarà sede di un meeting internazionale. Protagonisti anche gli studenti del "Rechichi" di Polistena

I giovani di Cinquefrondi in udienza dal Papa

Venerdì 19 Aprile i giovani della Parrocchia San Michele Arcangelo di Cinquefrondi incontreranno Papa...

Taurianova, bar frequentato da pregiudicati: licenza sospesa per 15 giorni

È il quinto nella sola Piana di Gioia Tauro

Operazione “Game over”: smantellata una rete di spacciatori nella Piana

L’operazione è dei carabinieri della compagnia di Taurianova

Operazione Game Over, il sindaco di Taurianova ringrazia i Carabinieri

Biasi: «La nostra Compagnia dell’Arma si conferma un baluardo determinata e radicata»