HomeSocietàTradizione e tecnologia per l’olio di qualità in Calabria: dal QR code...

Tradizione e tecnologia per l’olio di qualità in Calabria: dal QR code al gadget per il cellulare in legno di olivo all’insegna della sostenibilità

Pubblicato il

“Amaliù” è l’azienda che fra Tiriolo e Settingiano in provincia di Catanzaro produce olio evo biologico monocultivar di Carolea.

Tipico gusto piccante e amaro bene equilibrati grazie alla raccolta a mano dalla pianta svolta prima della completa maturazione delle drupe, confezionamento in bottiglie di metallo contro l’ossidazione, ma soprattutto grande attenzione alla lavorazione a freddo per offrire grandi quantità di polifenoli con azione nutraceutica: un prodotto di alta qualità dal sapore fruttato medio che si abbina perfettamente al pesce, a piatti delicati, ai dolci e alla pasticceria, alle salse leggere, come ci confermano gli chef che apprezzano l’olio di eccellenza monovarietale quale alimento oltre che come condimento da abbinare ai piatti. “Amaliù” è una realtà agricola familiare che esiste da decenni ma che Igor Paonni in pochissimo tempo ha voluto razionalizzare e rilanciare per affacciarsi su un mercato nazionale (e non solo) difficile ma sempre più orientato verso l’olio italiano di alta qualità, biologico e principe della Dieta Mediterranea e verso le produzioni sostenibili.

E Igor lo ha fatto con idee creative e funzionali, al passo con i tempi e soprattutto nel rispetto dell’ambiente e della salubrità del prodotto. L’antico casolare dove i genitori Amalia e Vincenzo iniziarono l’attività mezzo secolo orsono a Settingiano,  oggi è il moderno frantoio in mezzo all’uliveto con il tetto fotovoltaico e rivestito in legno; il Qr code di ogni bottiglia porta il cliente sull’apposita piattaforma web di rintracciabilità, in grado di raccontare la storia e tutte le caratteristiche di quella bottiglia o di quelle lattina specifica, a garanzia della provenienza; l’e-commerce consente di inviare lattine e bottiglie in ogni continente.

Ma grande successo in poco tempo ha raggiunto l’omaggio associato alla preziosa “boccetta assaggio” dell’olio “82 – La Pacchiana”: un piccolo amplificatore di suono per cellulare realizzato in legno di olivo ottenuto con gli scarti della potatura, proprio  all’insegna della sostenibilità.

E i prossimi passi?

Già sono pronti i cosmetici naturali a base di olio di Carolea e dei residui della lavorazione. Prossimamente si procederà con le analisi ORAC della capacità antiossidante del l’olio e in futuro l’analisi dell’impronta carbonica della coltivazione (carbon footprint) e il calcolo della capacità di sequestrare CO2 da parte del sistema “suolo-pianta” dell’oliveto biologico; il tutto all’insegna della nutraceutica del food, dell’economia circolare e contro il cambiamento climatico.

I frutti del caldo sole di Calabria potranno così arricchire le tavole “green” di chef e consumatori attenti allo sviluppo sostenibile in ogni angolo del mondo.

Ultimi Articoli

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Inaugurato a Taurianova il Borgo sociale per i migranti

La struttura supera il ghetto di contrada Russo. Ieri il taglio del nastro alla presenza del prefetto Clara Vaccaro e del sindaco Roy Biasi

Sabato a Taurianova la presentazione del libro “Il riflesso degli Eroi” del Generale Rispoli e del Capitano Catizone

L'iniziativa rientra tra le manifestazioni proposte per l'evento Capitale del Libro 2024

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Inaugurato a Taurianova il Borgo sociale per i migranti

La struttura supera il ghetto di contrada Russo. Ieri il taglio del nastro alla presenza del prefetto Clara Vaccaro e del sindaco Roy Biasi