HomeCronaca"Timoteo-Propaggine", torna in libertà Eugenio Panuccio

“Timoteo-Propaggine”, torna in libertà Eugenio Panuccio

Pubblicato il

Venerdì 31 marzo scorso, il Tribunale del riesame di Reggio Calabria, presieduto dal dott. A. F. Genovese Presidente, accogliendo il ricorso proposto dal difensore Avv. Salvatore Pignataro, ha annullato il provvedimento di custodia cautelare emesso nella prima metà del mese di maggio 2022 nei confronti di Eugenio Panuccio, incensurato e stimato di Oppido Mamertina.

Panuccio era stato coinvolto nel procedimento penale denominato “Op. Timoteo-Propaggine”, con il quale la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria aveva sottoposto a custodia cautelare presunti esponenti della cosca Alvaro-Carzo di Cosoleto.
In particolare al Panuccio veniva contestato di avere detenuto illegalmente armi comuni da sparo e da guerra e di averli offerti in vendita ai maggiorenti della presunta consorteria criminale con il fine di agevolare la ‘ndrangheta.

L’ipotesi accusatoria formulata nei confronti del Panuccio iniziava a sgretolarsi sin dalle prime battute, allorquando il Tribunale del riesame di Reggio Calabria nel mese di giugno 2022 aveva escluso l’aggravante di cui all’art. 416 bis.1 c.p. ritenendo che l’indagato non avesse agevolato alcuna cosca mafiosa.

La contestazione mossa a Panuccio ha subito un ulteriore duro colpo il 20 dicembre 2022, quando la Sesta Sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso proposto dall’Avv. Salvatore Pignataro, ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale della libertà, disponendo un nuovo giudizio di Riesame.

Nello specifico, la Suprema Corte di legittimità aveva demolito l’impostazione accusatoria, rilevando come l’unico elemento indiziario riportato dall’ordinanza impugnata non risulta “grave” nel senso suindicato. Ciò in quanto, si tratta di dichiarazioni di terzi, generiche e prive di riferimenti tali da collocare in modo preciso nel tempo e nello spazio la detenzione delle armi e la loro effettiva destinazione alla cessione. Esse, non risultano sufficienti, dunque, ad integrare gravi indizi di colpevolezza a carico di Panuccio Eugenio.

Aderendo completamente ai principi di diritto fissati dalla Corte di Cassazione, il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria il 31 marzo scorso ha sancito la completa estraneità di Panuccio Eugenio da ogni reato, disponendone la liberazione dopo quasi un anno di detenzione.

Ultimi Articoli

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione: 17 persone arrestate

Reggio, l’operazione “Gallicò” è stats eseguita da carabinieri e polizia

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

La vita tra verità e apparenza: a Palmi il pienone per “Così è se vi pare” con Milena Vukotic

Diverte e intriga il pubblico l'opera pirandelliana con la regia di Geppy Gleijeses, fiore all'occhiello della rassegna Synergia 48 promossa dall'associazione Amici della Musica

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Il ponte sullo Stretto finisce nel mirino della Procura di Roma

Aperto un fascicolo d’indagine dopo l’esposto presentato da Pd, Sinistra Italiana e Avs

Avrebbero alterato i controlli per far passare la droga al porto: arrestate tre persone

In manette due funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e una dipendente di una società di spedizione. Sequestrate anche 2,7 tonnellate di cocaina