HomeCronaca"Timoteo-Propaggine", torna in libertà Eugenio Panuccio

“Timoteo-Propaggine”, torna in libertà Eugenio Panuccio

Pubblicato il

Venerdì 31 marzo scorso, il Tribunale del riesame di Reggio Calabria, presieduto dal dott. A. F. Genovese Presidente, accogliendo il ricorso proposto dal difensore Avv. Salvatore Pignataro, ha annullato il provvedimento di custodia cautelare emesso nella prima metà del mese di maggio 2022 nei confronti di Eugenio Panuccio, incensurato e stimato di Oppido Mamertina.

Panuccio era stato coinvolto nel procedimento penale denominato “Op. Timoteo-Propaggine”, con il quale la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria aveva sottoposto a custodia cautelare presunti esponenti della cosca Alvaro-Carzo di Cosoleto.
In particolare al Panuccio veniva contestato di avere detenuto illegalmente armi comuni da sparo e da guerra e di averli offerti in vendita ai maggiorenti della presunta consorteria criminale con il fine di agevolare la ‘ndrangheta.

L’ipotesi accusatoria formulata nei confronti del Panuccio iniziava a sgretolarsi sin dalle prime battute, allorquando il Tribunale del riesame di Reggio Calabria nel mese di giugno 2022 aveva escluso l’aggravante di cui all’art. 416 bis.1 c.p. ritenendo che l’indagato non avesse agevolato alcuna cosca mafiosa.

La contestazione mossa a Panuccio ha subito un ulteriore duro colpo il 20 dicembre 2022, quando la Sesta Sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso proposto dall’Avv. Salvatore Pignataro, ha annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale della libertà, disponendo un nuovo giudizio di Riesame.

Nello specifico, la Suprema Corte di legittimità aveva demolito l’impostazione accusatoria, rilevando come l’unico elemento indiziario riportato dall’ordinanza impugnata non risulta “grave” nel senso suindicato. Ciò in quanto, si tratta di dichiarazioni di terzi, generiche e prive di riferimenti tali da collocare in modo preciso nel tempo e nello spazio la detenzione delle armi e la loro effettiva destinazione alla cessione. Esse, non risultano sufficienti, dunque, ad integrare gravi indizi di colpevolezza a carico di Panuccio Eugenio.

Aderendo completamente ai principi di diritto fissati dalla Corte di Cassazione, il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria il 31 marzo scorso ha sancito la completa estraneità di Panuccio Eugenio da ogni reato, disponendone la liberazione dopo quasi un anno di detenzione.

Ultimi Articoli

Ue, Denis Nesci: «La scelta su Von Der Leyen coerente con il risultato del 9 giugno»

L'europarlamentare di Fdi: «Il nostro paese è un interlocutore imprescindibile e necessario in ambito europeo»

Applausi per “Vurrìa” al teatro Manfroce di Palmi

L'opera è stata scritta dall'attore cosentino Matteo Lombardo

Dalla Calabria alla Francia per una grande “festa italiana”

Una grande “festa italiana” ha ospitato gli stand di vere e proprie eccellenze del settore enogastronomico italiano, con la Calabria tra i protagonisti

Taurianova, Biasi: «Tolleranza zero contro i furti d’acqua»

Il sindaco avvisa i cittadini che sono iniziati controlli a tappeto in tutto il territorio per risalire a eventuali allacci irregolari

Avrebbero usufruito del bonus facciate senza aver realizzato i lavori: due persone ai domiciliari e 1,6 milioni di euro di beni sequestrati

L'operazione della Guardia di Finanza è stata coordinata dalla Procura di Palmi

Udicon sull’incendio a Palmi: «Necessaria una bonifica dell’area interessata»

Il presidente dell'associazione in difesa dei consumatori interviene sull'episodio che ha colpito la città pianigiana nei giorni scorsi

Incendio a Palmi, giovedì un Tavolo tecnico in Prefettura

Le operazioni di spegnimento delle fiamme sono quasi terminate, permane solo qualche piccolo focolaio