HomeAltre NotizieServizi educativi, il Comitato Calabria alla Regione: «Scarsa attenzione al settore da...

Servizi educativi, il Comitato Calabria alla Regione: «Scarsa attenzione al settore da parte delle Istituzioni»

Pubblicato il

Il Comitato Calabria Servizi Educativi 0-6, che rappresenta i gestori dei servizi socio-educativi per l’infanzia della nostra Regione, segnala profonda preoccupazione riportando nuovamente all’attenzione delle Istituzioni competenti la particolare situazione in cui versa e il rischio di fallimento della quasi totalità delle strutture.

Si continua a registrare l’assenza di provvedimenti nazionali rivolti al mondo dell’educazione e in particolare dei servizi educativi per l’infanzia 0-6, che se non saranno urgentemente e adeguatamente supportati, sia ora che in futuro nelle fasi di riapertura e nella gestione durante tutto il periodo di emergenza sanitaria, potrebbero non riaprire con gravi danni per le famiglie, in ordine alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, e per la situazione occupazionale della nostra regione già provata dalla crisi .

Tali attività non hanno ricevuto alcuna tutela dal decreto dello scorso 17 marzo e parrebbe anche da quello del 13 maggio.

Se è vero che i dipendenti potranno godere della cassa integrazione in deroga (ad oggi non erogata), è anche vero che non sono stati previsti contributi per i gestori.

Da Nord a Sud, nelle altre regioni, sono stati avviati, diversi provvedimenti di finanziamento a sostegno delle imprese di questo settore e sono stati adattati all’emergenza COVID i Fondi 0- 6, come nelle Regioni del Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Puglia, Sicilia

Il Comitato Calabria con fiducia pone a questo punto una domanda alla quale fino ad ora non è pervenuta risposta:

“L’amministrazione Regionale quando discuterà dell’emergenza che il settore educativo 0-6 sta vivendo?”.

Si denuncia la grave assenza di: sostegno economico diretto alle imprese per la gestione dei costi fissi; provvedimenti di finanziamento a sostegno delle imprese come previsti nelle altre Regioni; indicazioni operative in merito ad una possibile apertura anticipata dei servizi in via di sperimentazione in relazione ai protocolli sanitari cui attenersi.

L’amarezza e la sfiducia sono le emozioni prevalenti dei titolari delle imprese operanti nel settore educativo 0-6, che tuttavia, con la tenacia che li contraddistingue chiedono la convocazione di un tavolo tecnico- scientifico regionale di settore con i competenti organismi istituzionali per discutere dell’emergenza dei propri servizi e per poter essere in grado di riaprire non appena Governo e Regione ne daranno l’opportunità.

Ultimi Articoli

Ospedale di Polistena, Profiti rassicura ma non si sbilancia

L’incontro istituzionale presso la sala consiliare del comune di Polistena per la presa d’atto...

Palmi, incontro tra sindaci: Ranuccio riceve il primo cittadino di Montlieu-la-Garde

Nicolas Morassutti, dopo essere stato in città nel 2018 per un'iniziativa di beneficenza, è tornato in vacanza

Alimenti senza certificazione in lidi e ristoranti: sanzioni per 25mila euro a Reggio

Sequestrati dai carabinieri oltre 400 kg di prodotti alimentari privi di tracciabilità e riscontrate in numerose attività gravi carenze igienico-sanitarie

Cittanova, gli studenti del liceo Guerrisi protagonisti della passeggiata lungo “Le vie dei poeti”

L'evento si svolgerà il 16 e 17 agosto a partire dalle 22

Tra edilizia e arredamento, le case fanno ripartire l’economia

Si rimette in moto la macchina economica del nostro paese. E lo fa dopo...

Cashback: una formula vincente per l’e-commerce, ma non sostenibile per lo Stato

In questi giorni sono in pagamento gli ultimi rimborsi

Truffa all’UE, sequestrati beni per 163mila euro a una coppia del reggino

Avrebbero commesso reiterate condotte illecite volte al conseguimento di erogazioni pubbliche nel settore degli aiuti alle imprese agricole