HomeCronacaSequestrati beni per 11 milioni di euro riconducibili alle cosche della Piana

Sequestrati beni per 11 milioni di euro riconducibili alle cosche della Piana

Pubblicato il

ROSARNO – Beni per un valore di circa 11 milioni di euro, riconducibili a importanti esponenti delle cosche di Rosarno, Polistena, Laureana, Oppido e Bagnara, sono stati sequestrati dagli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio, insieme a quelli dello SCICO di Roma, con la collaborazione del Ros e del Comando Provinciale dei Carabinieri.

L’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi, trae spunto dall’indagine “Il crimine”.
Nel corso dell’attività investigativa, gli uomini della Guardia di Finanza effettuato oltre duecento accertamenti economico – patrimoniali hanno rilevato una palese sproporzione tra l’ingente patrimonio individuato ed i redditi dichiarati dalle persone sotto inchiesta. I controlli hanno coinvolto l’intero nucleo familiare del rosarnese Domenico Oppedisano (85 anni), considerato il “capocrimine”, del “Mastro di Giornata” di Rosarno Michele Marasco, del “Capo del Locale” di Laureana Rocco Lamari, del “Capo del Locale” di Oppido Antonio Gattellari e del “Capo del Locale” di Bagnara Rocco Zoccali.
Gli investigatori hanno prima messo in risalto la sproporzione tra i redditi dichiarati e l’incremento patrimoniale e hanno successivamente effettuato un’analisi contabile che ha ono stati valorizzati i numerosissimi riscontri acquisiti, mettendo in risalto l’aspetto della sperequazione tra redditi dichiarati e l’incremento patrimoniale l’avvenuto arricchimento avvenuto negli ultimi ventenni, conseguenza di “ingiusti ed illeciti profitti e vantaggi, frutto del controllo del territorio ‘di competenza’ e delle relative attività economiche e produttive.

Complessivamente sono stati sequestrati 28 tra terreni, fabbricati e complessi immobiliari, 17 attività commerciali, quattro automobili, 15 polizze assicurative e otto depositi e buoni postali.

Sono state notificate inoltre nove misure di prevenzione personali di sorveglianza speciale a persone considerate figure apicali all’interno dei clan.

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Blitz dei carabinieri alla Tonnara di Palmi: sequestrati 15 chili di pesce avariato pronto per essere venduto

Elevate sanzioni per più di seimila euro a carico degli ambulanti

Non erano intervenuti in un incidente mortale: sospesi due vigili urbani a Taurianova

I due sarebbero effettivamente passati sul luogo dell'incidente senza attivare la macchina dei soccorsi