HomeAltre NotizieSeminara, è terminata la lunga estate di "Terramala"

Seminara, è terminata la lunga estate di “Terramala”

Pubblicato il

Si è conclusa domenica 3 Settembre con il ripristino della fonte Basilicò, la lunga estate dell’associazione “Terramala” a Sant’Anna di Seminara, dove i soci si sono impegnati per animare la piccola frazione con numerosi eventi e iniziative.

La stagione è iniziata il 28 Luglio con la prima edizione di ESTArTE, una rassegna di arte e letteratura inaugurata dallo scrittore Mimmo Gangemi che, insieme a Santo Gioffrè e Aldo Polisena, ha affrontato il tema storico dell’Unità d’Italia attraverso i racconti narrati nel libro “Un acre odore di aglio”; il giorno successivo è stato il turno della giovane scrittrice santannese Michelina Turri che ha voluto presentare in anteprima il suo primo libro “Anatomie e Distanze” nel proprio paese, insieme alla professoressa Marilea Ortuso e al presidente dell’Associazione, Antonio Casella. La rassegna si è arricchita con l’esposizione dei quadri e la presenza di Attilio Bovi, giovane pittore palmese.

Il 4 Agosto, in collaborazione con AVIS, l’associazione ha organizzato una raccolta di sangue in piazza san Pietro dove la sera del 20 Agosto è iniziata la seconda edizione di Cinema D’Estate, durante la quale il Presidente e gli ospiti – il regista Mario Vitale e lo sceneggiatore Francesco Governa – hanno intrattenuto il numeroso pubblico proiettando i propri lavori e raccontando le proprie esperienze. Il 22 Agosto Terramala, in collaborazione con Legambiente Calabria e l’associazione Indietro Tutta di Barritteri, ha partecipato a un’escursione sul sentiero del Tracciolino, che abbraccia i comuni di Bagnara, Seminara e Palmi, finalizzata a sensibilizzare cittadini e istituzioni sulle potenzialità turistiche del territorio e sull’importanza della corretta gestione dei rifiuti.

Negli ultimi giorni di Agosto l’associazione, con la collaborazione del comune di Melicuccà, ha organizzato i lavori per il ripristino della fonte Basilicò da cui sgorga un’acqua con evidenti proprietà diuretiche e che in passato veniva consigliata dai medici di zona per curare o prevenire disturbi legati a calcolosi e ipertensione.

Oltre ad aver reso accessibile il sito della fonte, l’Associazione, in collaborazione con l’Unical di Cosenza, si occuperà di effettuare l’analisi chimica e batteriologica.

Per i prossimi mesi è prevista, oltre all’ormai consueta festa di anniversario di fine ottobre, una giornata di formazione per la prevenzione degli incendi nelle aree rurali e altri eventi culturali e ludici. Chi vuole seguire le iniziative dell’Associazione può consultare il sito www.facebook.com/associazioneterramala.

“A quasi tre anni dalla nostra costituzione si consolida la coscienza sulle opportunità che il territorio ci offre – dice Antonio Casella, presidente dell’Associazione – La vicinanza e l’interesse crescente dei cittadini e di alcune istituzioni è un grande stimolo per proseguire nel percorso di valorizzazione delle nostre risorse”.

Ultimi Articoli

Intimidazione a Monsignor Nostro, la solidarietà del Gruppo Goel

«Certi dell'intervento fattivo delle forze dell'ordine»

La Polizia locale di Palmi in campo per il contrasto al gioco d’azzardo: sanzioni per 30mila euro

Dai controlli sono emerse diverse violazioni da parte dei gestori delle sale e dei distributori dei giochi

Il Rotary Club di Polistena promuove il convegno “Ambiente e cute”

Si è svolto a Polistena, nel Salone delle feste, un importante convegno su “Ambiente e...

Intimidazione a Monsignor Attilio Nostro, bossolo di pistola in curia

Episodio denunciato dal presule segue gesti analoghi a parroci

Il Rotary Club di Polistena promuove il convegno “Ambiente e cute”

Si è svolto a Polistena, nel Salone delle feste, un importante convegno su “Ambiente e...

Anche a Melicucco il muro della memoria per le vittime del covid

Un muro bianco riempito di cuori rossi per ricordare chi, nel tristemente famoso periodo...

L’Arma dei carabinieri tra gli alunni della scuola primaria per dire insieme no al bullismo

I militari hanno incontrato gli studenti del "Marvasi-Vizzone" di Rosarno nell'ambito del progetto "Cultura della legalità"