HomeAltre NotizieRosarno, Servizio Civile: Il Tar da ragione all'amministrazione comunale

Rosarno, Servizio Civile: Il Tar da ragione all’amministrazione comunale

Pubblicato il

Palazzo "S. Giovanni"

ROSARNO – Servizio Civile Nazionale 2010: il Tar di Reggio Calabria ha dato ragione all’amministrazione comunale, riguardo all’annullamento della prima graduatoria, stilata con modalità dettate dalla terna prefettizia che all’epoca dei fatti governava l’Ente.

La controversia nacque appena la Giunta di centrosinistra, da poco insediatasi, decise, con uno dei primi atti amministrativi, di annullare la graduatoria per un «vizio formale», dopo aver riscontrato delle anomalie sottolineate in documento firmato da alcuni ragazzi ritenuti “non idonei” durante l’iter selettivo. Si fece quindi una nuova selezione, tenuta da commissari esterni, che fu percepita, da parte dei ragazzi passati nella prima prova, «illegittima e punitiva», la vicenda finì sulle testate giornalistiche locali e la città fu cosparsa di manifesti pubblici stilati dai ricorrenti.

Secondo i giudici del Tar di Reggio Calabria, Ettore Leotta, Giuseppe Caruso e Salvatore Gatto Costantino, invece, la decisione di annullare la prima graduatoria per riproporre una nuova selezione fu legittima. Gli ufficiali giudicanti hanno quindi dato ragione all’Ente comunale, rigettando il ricorso dei giovani ritenuti idonei nella prima selezione, ma non riconfermati nella seconda.

Il deliberato si basa su un vizio formale: «la Commissione insediatasi all’inizio del procedimento è stata erroneamente presieduta dallo stesso funzionario che l’ha costituita senza averne titolo». Si aggiungono a ciò alcune valutazioni sostanziali, come quella del rapporto di parentela tra un giudicante ed una giudicata, che ha portato l’amministrazione ad un legittimo annullamento in autotutela.

Giusta anche la scelta di predisporre due commissioni esterne (per altrettanti progetti): «la commissione è stata rinnovata con un procedimento apposito, in esito al quale, sulla base dei curriculum acquisiti o comunque disponibili, sono stati scelti due segretari generali di altrettanti comuni vicini, che hanno presieduto le commissioni, e diversi funzionari in possesso di esperienza di commissioni di concorso».

Dopo la pronuncia del Tar, dunque, l’attività delle 16 volontarie, che hanno preso servizio poco prima dell’estate, potrà proseguire in tutta tranquillità fino al prossimo luglio. Resta invece da capire se la querelle finirà qui, grazie alla pronuncia dei magistrati reggini, o se qualcuno degli esclusi farà appello presso il Consiglio di Stato.

Francesco Comandè

Ultimi Articoli

I giovani di Cinquefrondi in udienza dal Papa

Venerdì 19 Aprile i giovani della Parrocchia San Michele Arcangelo di Cinquefrondi incontreranno Papa...

Due studenti del “Piria” di Rosarno fra le eccellenze calabresi a Bruxelles

Si è conclusa con grande successo la prima edizione dell'iniziativa promossa dalla Regione Calabria

Ok in Consiglio Metropolitano a variazioni di bilancio per il Villaggio della Solidarietà di San Ferdinando

Disco verde anche per il finanziamento per un progetto con l'AgID e il sostegno al Torneo di calcio a 5 delle Regioni

Operazione “Game over”: smantellata una rete di spacciatori nella Piana

L’operazione è dei carabinieri della compagnia di Taurianova

141 milioni per il definitivo dell’ospedale della Piana. Mattiani: «Grazie a Occhiuto per il lavoro incessante»

Un decreto del commissario ad acta stanza un'importante somma da destinare all'opera attesa da più di un decennio

Gli alunni dell’IC San Francesco di Palmi nominati ANAS Ambassador

La scuola ha aderito a un progetto di educazione stradale accreditato al Ministero

Ranuccio: «Sul tema dell’ospedale sono schierato accanto al presidente Occhiuto»

Il sindaco di Palmi commenta lo stanziamento di fondi per il progetto definitivo della struttura sanitaria attuato tramite decreto del commissario ad acta