HomeAmbienteRifiuti, detriti e ruderi: benvenuti alla Tonnara di Palmi

Rifiuti, detriti e ruderi: benvenuti alla Tonnara di Palmi

Pubblicato il

Se si volge lo sguardo verso il mare il panorama è di quelli che spezzano il fiato: lo Scoglio dell’Ulivo in primo piano, la Sicilia all’orizzonte con l’Etna innevato che fa capolino, le Isole Eolie che, grazie all’assenza di foschia, si vedono nitide.

Sembra, addirittura, di poter toccare la Sicilia con le mani.

Ma volgendo lo sguardo al lungomare ed alla spiaggia, tutto questo incanto svanisce e lascia il posto a rabbia e disgusto.

Siamo a Palmi, sul lungomare della Tonnara, dove le passeggiate si fanno tra cumuli di sabbia e detriti, rifiuti ammassati e aree che il tempo e l’incuria hanno trasformato in ruderi pronti a crollare da un momento all’altro.

Si arriva alla Tonnara e la prima cosa che balza alla vista è il piazzale su cui sorgeva l’hotel Miami, demolito negli anni scorsi; l’area, mai bonificata né riqualificata, è diventata un parcheggio specie durante la stagione estiva, ma la sua stabilità è stata a lungo messa in discussione a causa di cedimenti e crepe che si sono aperte.

Quell’area, anziché essere interdetta al transito di persone ed alla sosta di veicoli, è fruibile e rappresenta un vero e proprio pericolo, dal momento che presenta diversi crateri e fratture.

Proseguendo da quest’area verso lo Scoglio dell’Ulivo, è tutto un tappeto di sabbia e rifiuti di ogni genere: lattine, fustini di detersivi, confezioni di merendine e pasta, bottiglie, ma anche sacchi pieni di ogni genere di rifiuto, ammassati agli angoli della strada tra erbacce e rami spezzati dal vento.

Sì, è vero, le mareggiate delle scorse settimane hanno reso quel luogo ancora meno decoroso e fruibile, una sorte di discarica visibile a tutti, ma anche prima la situazione era tutto fuorché rosea. 

La spiaggia era piena di rifiuti di ogni genere anche prima delle mareggiate, così come la strada ed il lungomare; il 29 Dicembre un gruppo di volontari ha ripulito una parte della spiaggia dai rifiuti più grossi, in particolare dalla plastica, ma è chiaro che la cura di un luogo non può passare per il lavoro di gruppi di volontari. 

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Raccolta vetro, a Taurianova arrivano i cassonetti intelligenti per il risparmio in bolletta

l Comune spinge per il conferimento di prossimità. Biasi e Caridi si appellano a famiglie e aziende: «Collaborate per abbattere i costi del servizi»

Plastic Free in azione in 300 città italiane per la giornata della Terra: c’è anche Reggio Calabria

Un evento senza precedenti organizzato in occasione della Giornata della Terra

A Bagnara costituito un tavolo tecnico contro l’apertura della discarica “La Zingara”

Sottoscritto l'atto di risoluzione costitutivo del tavolo tecnico permanente intercomunale contro l'apertura della nuova discarica "La Zingara" a Melicuccà.