HomeCronacaRiceve amici in casa ma è ai domiciliari: torna in carcere Carmine...

Riceve amici in casa ma è ai domiciliari: torna in carcere Carmine Alvaro

Pubblicato il

Lascia i domiciliari per tornare in carcere Carmine Alvaro (classe ’59), presunto boss di Sinopoli che dal 21 Aprile scorso si trovava nella propria abitazione a seguito dei provvedimenti presi per prevenire il rischio della diffusione del Coronavirus in carcere.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Palmi dopo che l’uomo, già il giorno seguente il rientro a casa in regime di domiciliari, è stato trovato in compagnia di tre amici durante un controllo dei carabinieri in casa. Uno dei tre uomini, nel tentativo di nascondersi per riuscire a scappare dall’abitazione di Alvaro, si è nascosto sotto al letto.

Carmine Alvaro si è dunque dimostrato incurante delle prescrizioni imposte, facendosi beffa non solo del provvedimento emesso dall’Autorità Giudiziaria, che gli vietava di comunicazione con persone diverse dai conviventi, ma anche delle disposizioni governative a tutela della collettività ,in ragione dell’epidemia in corso e che ponevano il divieto di ricevere o fare visita alle persone.

In ragione della violazione accertata dai Carabinieri, la Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria ha pertanto richiesto l’aggravamento della misura cautelare al Tribunale di Palmi che, concordando pienamente con le valutazioni del pubblico ministero, ha disposto la custodia cautelare dell’uomo che ora si trova in carcere a Palmi.

Carmine Alvaro è stato arrestato a settembre 2018, colpito da misura cautelare per associazione di tipo mafioso nell’ambito dell’operazione “Iris”, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gaetano Paci e dal sostituto Giulia Pantano, e condotta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria contro la cosca Alvaro di Sinopoli.

L’inchiesta aveva accertato l’influenza della consorteria  nell’assegnazione di importanti appalti pubblici e il suo stretto legame con alcuni amministratori locali, tra i quali il sindaco di Delianuova Francesco Rossi, anch’esso destinatario di misura cautelare ed attualmente agli arresti domiciliari.

 

Ultimi Articoli

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Associazione mafiosa, omicidio, estorsione: 17 persone arrestate

Reggio, l’operazione “Gallicò” è stats eseguita da carabinieri e polizia

Venuti dal mare: torna lo spettacolo di SpazioTeatro che parla dell’arrivo dei Bronzi al Museo di Reggio Calabria

Un viaggio tra musica e parole in programma per la stagione teatrale “La casa dei racconti”

La vita tra verità e apparenza: a Palmi il pienone per “Così è se vi pare” con Milena Vukotic

Diverte e intriga il pubblico l'opera pirandelliana con la regia di Geppy Gleijeses, fiore all'occhiello della rassegna Synergia 48 promossa dall'associazione Amici della Musica

Estorsioni e intimidazioni per avere il controllo su Gallico: 18 misure cautelari

L'operazione coinvolge 40 persone ed è scaturita dall'omicidio di Francesco Catalano, avvenuto il 14 febbraio del 2019

Il ponte sullo Stretto finisce nel mirino della Procura di Roma

Aperto un fascicolo d’indagine dopo l’esposto presentato da Pd, Sinistra Italiana e Avs

Avrebbero alterato i controlli per far passare la droga al porto: arrestate tre persone

In manette due funzionari dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e una dipendente di una società di spedizione. Sequestrate anche 2,7 tonnellate di cocaina