HomeCronacaRicettazione e commercio di prodotti falsificati, assolto commerciante palmese

Ricettazione e commercio di prodotti falsificati, assolto commerciante palmese

Pubblicato il

Sono stati assolti P. M., noto commerciante d’abbigliamento di Palmi, e S. M., accusati di ricettazione e commercio di prodotti con segni falsi.

All’inizio del 2018, un’operazione congiunta della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, aveva portato al sequestro di 30 camicie griffate, ritenute munite di marchi contraffatti.

Al termine di una puntuale ed articolata istruttoria e di un processo durato per oltre quattro anni, il Tribunale ha ritenuto che alcuna responsabilità potesse essere ascritta al commerciante ed alla titolare dell’attività, entrambi difesi dall’avvocato Antonio Papalia.

Ultimi Articoli

A Palmi il ricordo di Satnam Singh

La triste storia del bracciante morto a Latina per colpa del comportamento disumano del datore di lavoro ha suscitato indignazione e rabbia

«Signora, sua figlia ha causato un incidente, paghi 3mila euro». Anziana derubata a Rizziconi da un finto carabiniere

Deferita anche una donna campana; la vittima incastrata anche da un falso avvocato

Pallacanestro Palmi vince il Torneo Primavera Under 15M Fip

Un finale di stagione ricco di soddisfazioni per la Pallacanestro Palmi ASD, che dopo tanti anni torna alla vittoria in un torneo giovanile Fip.

Antonio Orso nella storia di Gioia Tauro

Il ricordo di Amalia Frascà, socia Adic

«Signora, sua figlia ha causato un incidente, paghi 3mila euro». Anziana derubata a Rizziconi da un finto carabiniere

Deferita anche una donna campana; la vittima incastrata anche da un falso avvocato

S. Ferdinando, danno fuoco a un’auto e scappano: due denunce

La vettura data alle fiamme sostava vicino a delle abitazioni e a delle aree verdi che, fortunatamente, non hanno subito danneggiamenti

Lavori abusivi su terreni vincolati: deviato il corso del torrente Duverso a Seminara – VIDEO

Le aree, due autocarri e due escavatori sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri forestale di Cittanova e Sant’Eufemia D’Aspromonte. Denunciati il titolare della ditte e il direttore dei lavori.