HomeCronacaPortuali infedeli e narcos: le richieste al gup di Reggio Calabria nel...

Portuali infedeli e narcos: le richieste al gup di Reggio Calabria nel procedimento “Tre Croci”

Pubblicato il

I magistrati della Procura di Reggio Calabria, Domenico Cappelleri e Paola D’Ambrosio, hanno presentato le richieste di condanna degli imputati nel processo “Tre Croci” che si celebra con rito abbreviato a Reggio Calabria.

Il procedimento è figlio dell’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria su coordinamento della Procura antimafia reggina e coinvolge diverse persone, tra cui portuali “infedeli” e narcos, accusate a vario titolo di traffico internazionale di stupefacenti e associazione mafiosa.

Queste le richieste del giudice dell’udienza preliminare, Giani:

  • Salvatore Bagnoli: 20 anni;
  • Domenico Bartuccio: 18 anni;
  • Rosario Bonifazio: 20 anni;
  • Vincenzo Brandimarte: 20 anni;
  • Salvatore Cananzi: 20 anni;
  • Salvatore Copelli: 20 anni;
  • Alessandro Cutrì: 20 anni;
  • Salvatore Dell’Acqua: 20 anni;
  • Girolamo Fazari: 20 anni;
  • Santi Fazio: 20 anni;
  • Domenico Gulluni: 20 anni;
  • Domenico Iannaci: 20 anni;
  • Rocco Iannizzi: 20 anni;
  • Vincenzo Larosa: 20 anni;
  • Domenico Longo: 18 anni;
  • Pasqualino Russo: 18 anni;
  • Domenico Sciglitano: 20 anni;
  • Antonio Sciglitano: 20 anni;
  • Nazareno Valente: 20 anni;
  • Antonio Zambara: 20 anni;
  • Bruno Carbone: 10 anni;
  • Raffaele Imperiale: 10 anni;
  • Franco Barbaro: 16 anni;
  • Antonio Bruzzaniti:
  • Bartolo Bruzzaniti:
  • Bellè: 6 anni

Il rito abbreviato del procedimento “Tre Croci” si celebra dinanzi al gup Irene Giani.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, gli imputati avrebbero fatto uscire dal porto di Gioia Tauro quintali di cocaina attraverso un metodo che permetteva di individuare e nascondere i carichi.

Secondo quanto emerso dall’inchiesta, l’organizzazione sarebbero retta da Raffaele Imperiale, Bruno Carbone – entrambi di Napoli – e i fratelli Bartolo e Antonio Bruzzaniti.

L’organizzazione poteva contare anche su squadre di operatori portuali infedeli, che disponeva di ingenti risorse finanziarie con lo scopo di reperire e acquistare all’estero, importare, trasportare in Italia copiosi quantitativi di cocaina.

Il 30 gennaio inizierà la discussione delle tesi difensive.

Ultimi Articoli

Palmi, fuga di gas vicino alla scuola “De Zerbi”. Evacuato l’edificio

L’episodio si è verificato poco dopo la campanella d’ingresso

Incendio Ecolandia, il sostegno di Galimi al Consorzio

L’incendio che ha interessato la struttura del Consorzio Ecolandia (soggetto gestore del Parco e...

Elezioni comunali, Sina Collufio candidata a sindaco di “Rizziconi c’è”

Al termine di un incontro avvenuto lo scorso 6 aprile è stata scelta la figura della vice dirigente scolastica quale candidata alla guida della città

Incidente tra Gioia Tauro e Rizziconi: camion si ribalta sulla Sp111

L'incidente è avvenuto tra il vivaio Piante Macrì e la Legno Sud.

Palmi, fuga di gas vicino alla scuola “De Zerbi”. Evacuato l’edificio

L’episodio si è verificato poco dopo la campanella d’ingresso

Incidente tra Gioia Tauro e Rizziconi: camion si ribalta sulla Sp111

L'incidente è avvenuto tra il vivaio Piante Macrì e la Legno Sud.

Droga nella Piana, arrestato all’aeroporto di Lamezia latitante di Taurianova

Il 38enne si era sottratto alla cattura nell'ambito dell'operazione Perseverant, coordinata dalla procura di Palmi ed eseguita dai carabinieri. L'uomo è stato posto ai domiciliari