HomeCronacaPolistena, bimba nata morta al Santa Maria degli Ungheresi

Polistena, bimba nata morta al Santa Maria degli Ungheresi

Pubblicato il

Sofia: avevano scelto di chiamarla così la loro bambina, i giovani genitori che nella notte tra venerdì e sabato scorso hanno visto la gioia per la nascita della loro prima figlia, trasformarsi in un immenso dolore che ancora oggi non passa.

Se si è trattato di una fatalità o di un caso di malasanità sarà la magistratura a stabilirlo, ma quel che è certo è che purtroppo quando la piccola è nata, era era già deceduta.

Polistena, ospedale Santa Maria degli Ungheresi: è giovedì della settimana scorsa quando una donna, al nono mese di gravidanza e pronta a partorire, arriva in ospedale accompagnata dal marito; chiede di essere ricoverata perché inizia ad avvertire dei dolori.

I medici del nosocomio polistenese la ricoverano, probabilmente perché temono il presentarsi di complicanze; la donna, all’inizio della settimana scorsa, era stata in ospedale a Polistena per dei dolori, e dopo una visita al Pronto Soccorso era stata mandata a casa.

Giovedì ritorna in ospedale, dove viene ricoverata. Venerdì notte la donna sta male, ha una emorragia. I medici sono costretti ad intervenire chirurgicamente per asportare la bambina, Sofia, che però è già morta. La gravidanza della donna era stata regolare, niente lasciava immaginare un così tragico epilogo.

Il padre della piccola chiama subito la polizia, che giunge immediatamente in ospedale per raccogliere le dichiarazioni dell’uomo. Viene allertata la Procura di Palmi, che apre subito un fascicolo d’inchiesta. Al momento non si sa se sul registro delle notizie di reato ci siano iscritti e con quali accuse.

Il corpo della piccola Sofia si trova nell’obitorio dell’ospedale di Polistena; la Procura di Palmi ha disposto che vengano eseguiti gli esami autoptici per decretare le cause del decesso.

I genitori di Sofia, distrutti dal dolore, chiedono che venga fatta chiarezza su questa terribile vicenda che ha sconvolto le loro vite, e tramite il loro difensore di fiducia, l’avvocato Giovanni Montalto, fanno sapere di avere piena fiducia nell’operato della magistratura.

Ultimi Articoli

“Therun – Free Run 2024”: Il Mito Harley-Davidson arriva per la prima volta nella Locride

"Mettere passione in tutto ciò che si fa" è il motto di Harley-Davidson, il...

La vocalist Valentina Crudo torna a casa 10 mesi dopo l’incidente. «Sono viva per miracolo»

La 30enne di Rombiolo è rimasta coinvolta nello scontro frontale avvenuto il 20 agosto 2023 sulla super strada Jonio-Tirreno

DdL Calderoli, Conia pronto all’impugnazione e al referendum abrogativo

Pensa ad una richiesta di impugnazione del DdL Calderoli sull’Autonomia differenziata presso la Corte...

Palmi, presto 30 telecamere saranno installate su tutto il territorio

Passa in Consiglio il nuovo regolamento per la disciplina dei sistemi di videosrveglianza. Il consigliere Camera: «Delibera necessaria»

La vocalist Valentina Crudo torna a casa 10 mesi dopo l’incidente. «Sono viva per miracolo»

La 30enne di Rombiolo è rimasta coinvolta nello scontro frontale avvenuto il 20 agosto 2023 sulla super strada Jonio-Tirreno

Gioia, vendevano on line mezzi agricoli a prezzi vantaggiosi: denunciati tre soggetti per truffa aggravata

L'indagine della polizia è partita dal racconto di una donna che ha pagato 3e500 euro per l'acquisto di un trattore

‘Ndrangheta e politica, tra gli indagati anche Falcomatà e i consigliere Neri e Sera

L'indagine riguarda presunti illeciti commessi in occasione delle elezioni regionali del 2020 e del 2021 e delle elezioni comunali a Reggio del 2020. Nel mirino la cosca Araniti