HomePoliticaPalmi, Ventrice lascia la Giunta: dimissioni “irrevocabili”

Palmi, Ventrice lascia la Giunta: dimissioni “irrevocabili”

Pubblicato il

I rumors sulle dimissioni di Paolo Ventrice da assessore del Comune di Palmi, hanno trovato conferma nelle prime ore di oggi.

L’oramai ex assessore al turismo della Giunta Ranuccio ha presentato lunedì scorso le sue dimissioni irrevocabili, lasciando così la carica che il primo cittadino gli aveva conferito nel mese di Ottobre dello scorso anno.

Ignoti, al momento, i motivi che hanno indotto Ventrice a concludere in breve tempo la sua esperienza politica.

Vice presidente di Prometeus, l’associazione che ha realizzato l’edizione 2019 della Varia, Paolo Ventrice era subentrato a Raffaele Perelli, che aveva lasciato la Giunta nel mese di Ottobre.

A Ranuccio, ora, spetta il compito di rimpiazzate Ventrice in Giunta.

Ultimi Articoli

Politiche 2022, ecco chi sono i parlamentari calabresi

Si sono delineate, dunque, le figure politiche che occuperanno le caselle dei 19 posti...

Politiche 2022, Conia (Up) chiede una riflessione nazionale

«Abbiamo il dovere di non disperdere questo grande lavoro fatto sul territorio» ha spiegato...

L’Ordine dei commercialisti di Palmi a confronto su antiriciclaggio e operazioni sospette

Il dibattito è stato organizzato dall'Ordine in collaborazione con Opera Professioni e Sole 24Ore

Nas, la stagione estiva si chiude con 168 controlli e 2 tonnellate di alimenti sequestrati

Elevate sanzioni per un valore complessivo di 130.502mila euro

Politiche 2022, ecco chi sono i parlamentari calabresi

Si sono delineate, dunque, le figure politiche che occuperanno le caselle dei 19 posti...

Politiche 2022, Conia (Up) chiede una riflessione nazionale

«Abbiamo il dovere di non disperdere questo grande lavoro fatto sul territorio» ha spiegato...

Elezioni, Ferrara (Udc): «Bene l’elezione di Cesa e De Poli, adesso sviluppiamo un’area moderata»

Paolo Ferrara: «La rielezione di Lorenzo e Antonio proietta l’UDC a essere protagonista nel prossimo governo targato Giorgia Meloni»