Palmi si prepara al primo consiglio comunale in videoconferenza

I consiglieri potranno scegliere se partecipare da casa o essere presenti in aula, mantenendo le distanze consigliate

0
394

Nonostante l’emergenza sanitaria sia ancora in corso, torna a riunirsi domani alle ore 17 presso Palazzo San Nicola il Consiglio comunale di Palmi, che sarà chiamato ad approvare l’atto politico cardine dell’Amministrazione Ranuccio, il bilancio di previsione 2020-2022. La novità di questo Consiglio comunale, secondo quanto previsto dall’articolo 73, comma 1, del Decreto-legge 17 marzo 2020, numero 18, è l’opportunità di potersi riunirsi in video conferenza, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati dal Presidente del Consiglio, purché siano individuati sistemi che consentano di identificare con certezza i partecipanti, sia assicurata la regolarità dello svolgimento delle sedute e vengano garantiti ai consiglieri lo svolgimento delle proprie funzioni.

Con la disposizione interna emanata del Presidente del Consiglio comunale Salvatore Celi sabato scorso, il civico consesso di domani sarà un “ibrido”: difatti, Celi ha dato l’opportunità ai Consiglieri sia di poter presenziare fisicamente in aula, seguendo le disposizioni governative relative ai dpi da indossare ed al mantenimento della distanza interpersonale tra gli scranni di Palazzo San Nicola, che di potersi collegare in video conferenza con l’aula.

La seduta del Consiglio sarà a porte chiuse, ma la trasparenza della seduta sarà garantita dalla diretta streaming dell’evento sui canali istituzionali dell’ente.

Il Presidente del Consiglio Salvatore Celi: «Abbiamo ritenuto di provvedere in merito alle modalità di svolgimento delle sedute in videoconferenza del Consiglio comunale, in modo da poter dare ai Consiglieri l’opportunità di scegliere come presenziare al Consiglio comunale, se fisicamente, indossando guanti e mascherine e mantenendo la distanza interpersonale tra gli scranni, o richiedere la videoconferenza e poter presenziare in Consiglio direttamente da casa, garantendo in egual modo le prerogative proprie dei  Consiglieri. Per la prima volta nella storia della nostra Città, dato il momento di momento di emergenza sanitaria, la seduta sarà valida anche in sedi diverse dalla Sala del Consiglio comunale di Palmi: la sede pertanto sarà anche virtuale. Siamo davvero orgogliosi, che la nostra disposizione sia stata ripresa da altri civici consessi calabresi ed italiani, a riprova che questo “ibrido” assurge ad essere una best practice da seguire da altri Consigli comunali».