HomeSocietàPalmi: benvenuti alla stazione tra freestyle e hip hop

Palmi: benvenuti alla stazione tra freestyle e hip hop

Pubblicato il

PALMI – Musica hip hop a volume alto, coreografie inventate sul momento e qualche schiamazzo per richiamare l’attenzione. Se pensate di essere nel giardino pubblico della vostra città, ecco vi sbagliate.

Siamo a Palmi, alla stazione, periferia sud della città; sono le 18 circa e pensando di intervistare alcuni viaggiatori di rientro da lavoro, per chiedere le loro impressioni sulla stazione ferroviaria, ci rechiamo sul posto. E invece dei pendolari, troviamo un gruppo di ragazzi, intenti a ballare e cantare.

Hanno tra i 15 ed i 18 anni; una vecchia radio è la loro compagna di avventure. Poi un cappellino in testa, jeans larghi, t-shirt sotto una camicia a quadri sbottonata ed il classico zainetto con dentro i cd e l’immancabile cellulare.

Incuriositi dalla loro presenza ci avviciniamo a chiedere cosa ci facciano lì a quell’ora.

«Veniamo qui tutte le sere – ci rispondono – Prendiamo il treno chi da Rosarno, chi da Bagnara e ci incontriamo qui. E’ un posto tranquillo, isolato, nessuno ci disturba e noi non disturbiamo nessuno. Ogni tanto passa la Polizia a controllare ma non ci dice nulla. Del resto nei paesi in cui viviamo non c’è uno spazio in cui stare tranquilli. Veniamo qui dopo aver fatto i compiti e torniamo a casa con l’ultimo treno utile».

Fortuna che ci sono loro, viene da pensare, ad animare questo luogo.

La stazione di Palmi è stata messa a nuovo di recente ma è tutto fuorché una stazione funzionale; mancano i servizi igienici, non c’è la biglietteria automatica né un ufficio informazioni. Un bar o un’edicola, poi, neanche a pensarci. E la sala d’attesa è diventata la sala ritrovo per questi ragazzi. 

L’elogio dell’inutilità, viene da pensare; eppure di gente che prende il treno per andare a lavoro ce ne è, e basta aspettare il treno delle 20 per vedere quanta gente rientra a casa da lavoro.

Perché allora la stazione di Palmi è così carente di ogni servizio, anche minimo?

Intanto tra un ballo ed il fischio del treno in transito, è già ora di cena; i ragazzi prendono le loro cose, mettono i cd dentro lo zaino e salgono sul treno. Domani sanno già dove e a che ora ritrovarsi.

V.M.

Ultimi Articoli

Marziale: «Grave la chiusura di Pediatria a Polistena e Locri»

Lo afferma il garante all'infanzia e all'adolescenza. «Se dovesse accadere sarebbe la più grave delle lesioni ai diritti dell'infanzia»

Palmi, il dipartimento provinciale Lavoro FDI premia l’azienda Poly2Oil

Il responsabile provinciale Emiliano Pezzani ha consegnato all'azienda un'attestazione di merito per il lavoro svolto

Operazione Olimpo, Filcams: «Sul turismo la Regione apra gli occhi»

Dopo l'operazione di ieri, la FILCAMS vuole un confronto istituzionale urgente

Reggio, centinaia di studenti al flash mob artistico promosso dalla Città metropolitana per la Giornata della Memoria

Il sindaco facente funzioni Carmelo Versace ed il Delegato alla Cultura Filippo Quartuccio hanno accolto gli studenti sulla scalinata del Teatro Cilea, ricordando l'importanza di celebrare una giornata che "chiama in causa ognuno di noi, come uomini e cittadini, prima ancora che da istituzioni"

Reggio, centinaia di studenti al flash mob artistico promosso dalla Città metropolitana per la Giornata della Memoria

Il sindaco facente funzioni Carmelo Versace ed il Delegato alla Cultura Filippo Quartuccio hanno accolto gli studenti sulla scalinata del Teatro Cilea, ricordando l'importanza di celebrare una giornata che "chiama in causa ognuno di noi, come uomini e cittadini, prima ancora che da istituzioni"

Anna Maria Deodato racconta i suoi “Fili interrotti”

Il libro della scrittrice palmese è stato presentato a Gioia Tauro nel corso di una cerimonia promossa dl Rotary Club

“Striscia la notizia” annuncia il Memorial Mino Reitano a Palmi

Questa mattina il programma di Rai 3 "Buongiorno Regione" è andato in onda con un collegamento da Palmi