HomeAltre NotizieOlio venduto come italiano: sequestri e perquisizioni anche a Gioia

Olio venduto come italiano: sequestri e perquisizioni anche a Gioia

Pubblicato il

GIOIA TAURO – Anche a Gioia Tauro sono stati effettuati sequestri e controlli nell’ambito dell’operazione Mamma Mia, effettuata dall’Ispettorato repressione frodi (Icqrf) e coordinata dalla Procura di Trani. L’attività investigativa ha portato al blocco di un vasto sistema di frode, radicato in Puglia e Calabria, nel settore oleario.
L’operazione ha bloccato la commercializzazione di oltre duemila tonnellate di olio extravergine di oliva falsamente fatturato italiano, per un valore di oltre 13 milioni di euro.

In tutto sono otto le persone indagate. Si tratta di Giuseppe Cavallaro, 50 anni, titolare della omonima ditta; Salvatore Seminara (72), della Olearia Salvatore Seminara; Luigi Latorre (51); Riccardo Cialdella (24), della Olii sud alimentari di Cialdella Riccardo; Gianluca Cialdella (19) della Mediterranea olii; Felice Cialdella (50), amministratore delegato della due aziende di famiglia; Umberto Patruno (28) e Filippo Patruno (61) della Olearia Pu.“

Sono accusate di frode agroalimentare e di reati fiscali, connessi a un giro di fatture false attestanti il commercio di duemila tonnellate di olio italiano fittizio.

Secondo gli investigatori negli anni 2014 e 2015, più di duemila tonnellate di olio extravergine di oliva proveniente da Spagna e Grecia sarebbero state commercializzate come olio 100% Italiano.
Per compiere la frode venivano utilizzate delle imprese «cartiere» pugliesi e calabresi che emettevano falsa documentazione attestante l’origine nazionale di olio extravergine di oliva, in realtà spagnolo o greco, che arrivava gli imbottigliatori come Made in Italy, pronto per il confezionamento e la distribuzione sul mercato.

I soggetti coinvolti provvedevano a smaltire l’olio non italiano attraverso vendite fittizie a operatori compiacenti, anche esteri, al fine di farne perdere le tracce.
Anche alcuni organismi di controllo esteri hanno confermato l’esistenza delle operazioni fittizie di vendita.

Ad Andria, Crotone e Gioia Tauro sono stati eseguiti 16 sequestri e 12 perquisizioni.

Nel corso dell’operazione e’ stata sequestrata un’ingente mole di documentazione e anche materiale informatico.

Le partite di falso olio 100% italiano sono state rintracciate mediante la documentazione di vendita e le quote ancora residue saranno ritirate dal mercato mediante un articolato sistema di richiamo dei prodotti irregolari.

Ultimi Articoli

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Carcere di Palmi, al via un percorso di sostegno alla genitorialità per i detenuti

L'iniziativa è organizzata dalla Camera Minorile "Malala" di Palmi

Ossama Benkhalqui: da Gioia Tauro a X Factor, il viaggio di un giovane talento

Ex giocatore della squadra di calcio della città, oggi sogna di diventare un cantante di successo. Intervista al 19enne marocchino che si ispira aò rapper napoletano Geolier

Rosarno, oggi l’inaugurazione di “Villa Santelli” sorta su un bene confiscato

L'immobile è appartenuto alla famiglia Cacciola; UniReggio l'ha trasformato in un polo di servizi per la comunità

Controlli anti “furbetti” del contatore: 9 denunce nella Piana di Gioia Tauro

Oltre ai privati, denunciato anche un imprenditore agricolo di San Giorgio Morgeto

Libertà e regole tra musica e diritto secondo Sabino Cassese

Il professore è intervenuto da remoto al Festival Nazionale che si è svolto a Palmi

Come regolare lo smartphone per salvaguardare gli occhi

Lo smartphone è il dispositivo elettronico più utilizzato in assoluto, il quale è posseduto...