HomeCronacaNdrangheta e usura in Lombardia, «Se non paghi ti gambizziamo»

Ndrangheta e usura in Lombardia, «Se non paghi ti gambizziamo»

Pubblicato il

«Se non avessi onorato gli impegni sarei stato gambizzato, nella migliore delle ipotesi».

Sono le pesanti minacce subite e messe nero su bianco in un “memoriale” consegnato alla Dda milanese da una della vittime di un giro di usura ed estorsioni in Lombardia finito al centro di un’inchiesta della Squadra mobile che ha portato a 7 arresti, tra Milano e Pavia.

In carcere è finito Orlando Demasi, 46 anni, affiliato alla locale di ‘ndrangheta di Giussano (Monza e Brianza), collegata a un clan di Guardavalle (Catanzaro) e a cui nel 2019 erano stati già confiscati 3 milioni di euro dal Tribunale del capoluogo lombardo.

L’indagine, scrive il gip Fiammetta Modica nell’ordinanza emessa su richiesta del pm Francesco De Tommasi, si è concentrata proprio su Demasi, che ha la “dote” della “camorra” nel clan e che “vendeva denaro”, ossia faceva prestiti a tassi usurari fino al 30% al mese, e «tramite un giro di società allo stesso sostanzialmente riconducibili e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, forniva una copertura ad ingenti movimenti di soldi» per milioni di euro.

Negli atti viene citato anche il nome di Damiano Gattuso, zio di Gennaro, ex centrocampista del Milan e della Nazionale e allenatore del Valencia.

Nel provvedimento, però, il parente dell’ex rossonero non risulta tra gli indagati.

Il riferimento allo “zio del calciatore” emerge da una pagina di quel memoriale di una delle vittime dello strozzinaggio, un imprenditore che fu arrestato nel 2019 per un traffico di rifiuti e dalle cui dichiarazioni sono partiti gli accertamenti. Stando al suo racconto, sarebbe stato Damiano Gattuso a metterlo “in contatto” con Demasi.

La vittima ha parlato di un “incontro presso un bar a Gallarate”, provincia di Varese, a cui erano presenti lui, Damiano Gattuso e Demasi. Quest’ultimo gli avrebbe chiesto “di quanti soldi avessi bisogno e io gli dico 10mila euro, a tutta risposta lui mi dice – ha spiegato – ti costano il 40% (…) alla fine della discussione ci accordiamo per il 25% al mese”.

Demasi a quel punto avrebbe detto a Damiano Gattuso: «guarda che ne rispondi tu! Di questi soldi se lui non paga prima scanniamo a lui e poi veniamo da te! E a noi non interessa chi è tuo nipote».

Oltre ad un secondo episodio di usura, nelle carte si parla pure di un caso di presunta estorsione, legato ad una fornitura di droga, nel corso del quale il presunto ‘ndranghetista avrebbe sferrato “una testata” alla nuca “della vittima”.

Il “clima omertoso”, scrive il gip, «ha impedito” di accertare “altri episodi di pattuizioni usurarie ma appare pacifico” come Demasi “ponesse a disposizione di una platea di imprenditori le società cartiere e il sistema della false fatturazioni».

Egli stesso, secondo il gip, avrebbe detto “di svolgere questo ‘lavoro'” da molti anni

Ultimi Articoli

A Palmi il ricordo di Satnam Singh

La triste storia del bracciante morto a Latina per colpa del comportamento disumano del datore di lavoro ha suscitato indignazione e rabbia

«Signora, sua figlia ha causato un incidente, paghi 3mila euro». Anziana derubata a Rizziconi da un finto carabiniere

Deferita anche una donna campana; la vittima incastrata anche da un falso avvocato

Pallacanestro Palmi vince il Torneo Primavera Under 15M Fip

Un finale di stagione ricco di soddisfazioni per la Pallacanestro Palmi ASD, che dopo tanti anni torna alla vittoria in un torneo giovanile Fip.

Antonio Orso nella storia di Gioia Tauro

Il ricordo di Amalia Frascà, socia Adic

«Signora, sua figlia ha causato un incidente, paghi 3mila euro». Anziana derubata a Rizziconi da un finto carabiniere

Deferita anche una donna campana; la vittima incastrata anche da un falso avvocato

S. Ferdinando, danno fuoco a un’auto e scappano: due denunce

La vettura data alle fiamme sostava vicino a delle abitazioni e a delle aree verdi che, fortunatamente, non hanno subito danneggiamenti

Lavori abusivi su terreni vincolati: deviato il corso del torrente Duverso a Seminara – VIDEO

Le aree, due autocarri e due escavatori sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri forestale di Cittanova e Sant’Eufemia D’Aspromonte. Denunciati il titolare della ditte e il direttore dei lavori.